menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Movimenti sospetti, i carabinieri perquisiscono pluripregiudicato: arrestato per spaccio di cocaina

Si tratta pluripregiudicato 32enne che si trovava a bordo di un furgoncino nei pressi dell’area delle giostre allestita in occasione della festa patronale di Manfredonia

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Manfredonia hanno tratto in arresto Alexander Thomas Pacillo, pluripregiudicato 32enne del posto, nella flagranza del reato di detenzione a fine di spaccio di sostanza stupefacente.

Durante il normale servizio di perlustrazione, nel transitare nella zona normalmente utilizzata per il mercato settimanale di Manfredonia, da qualche giorno destinata alle giostre in occasione della prossima festa patronale, una pattuglia del 112 ha notato un furgoncino Fiat Scudo con a bordo il soggetto ben noto per i propri numerosi precedenti penali in materia di stupefacenti, che, alla vista dei Carabinieri - che si stavano avvicinando per vedere se vi fosse qualcosa di strano - ha effettuato dei movimenti sospetti nell’abitacolo.

Insospettiti dal suo atteggiamento, i militari dell’Arma hanno deciso di verificare cosa il pregiudicato stesse facendo. Sceso dal mezzo, è scattata la perquisizione: nelle tasche del 32enne sono stati trovati in tasca ben 800 euro in banconote di vario taglio, oltre ad un involucro, che aveva lasciato scivolare a terra sperando che la mossa passasse inosservata e contenente della cocaina.

I militari hanno allora esteso il controllo alle immediate vicinanze, rinvenendo, sotto un veicolo in sosta a fianco di quello del Pacillo, un bilancino di precisione ancora sporco di cocaina.

Messi quindi insieme i due grammi circa di cocaina di cui aveva cercato di disfarsi, il bilancino a portata di mano e gli 800 euro in tasca, i Carabinieri hanno gli hanno contestato che la sostanza stupefacente illecitamente detenuta non fosse destinata ad utilizzo personale bensì ad attività di spaccio, motivo per il quale lo hanno dichiarato in arresto e, al termine delle formalità, accompagnato presso il proprio domicilio in misura cautelare in attesa di convalida.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pio e Amedeo non l'hanno presa bene: "Non fate finta di non capire quello che abbiamo detto". Selvaggia Lucarelli: "Studiate"

Attualità

Pio e Amedeo tacciati di "superficialità" dalla comunità ebraica. Battute sull'avarizia? "Si radica razzismo che favorisce fenomeni più gravi"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento