In giro con l'auto aziendale e il figlio di 5 anni, a bordo la cocaina e in casa una pistola: arrestato

Con sé, anche 2000 euro ritenuto provento di attività illecite. nell'abitazione dell'uomo, 39enne incensurato, i carabinieri hanno sequestrato anche una pistola calibro 6.35, con matricola abrasa, e relativo munizionamento

Immagine d'archivio

Gli elementi per passarla liscia c’erano tutti: l’auto aziendale della società Acquedotto Pugliese, il figlio di cinque anni a bordo, cinture allacciate e fari accesi. Un 39enne lucerino aveva pensato proprio a tutto per non destare, almeno ad una prima occhiata, sospetti di alcun genere; almeno fino a quando non è incappato in una pattuglia attenta.

È quanto capitato nella mattinata di venerdì scorso a Lucera, dove i carabinieri hanno tratto in arresto un insospettabile incensurato trentanovenne, responsabile della manutenzione di numerosi impianti di depurazione acque nella zona, che durante un normale controllo alla circolazione stradale è stato trovato in possesso di 50 grammi di cocaina purissima occultata, insieme a circa 2000 euro in banconote da 50, in un vano portaoggetti del veicolo sul quale viaggiava insieme all’inconsapevole figlioletto di cinque anni.

A tradirlo è stata un'ingiustificata tensione all’atto del controllo: l’uomo, infatti, si è mostrato particolarmente agitato, facendo insorgere non pochi sospetti nei militari, che hanno quindi deciso di procedere a un più accurato controllo. Il rinvenimento dell’ingente quantitativo di sostanza stupefacente, che immessa sul mercato avrebbe fruttato svariate migliaia di euro, ha chiarito quale fosse il motivo di tanta agitazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ulteriori sorprese sono emerse poi nel corso della successiva, inevitabile, perquisizione effettuata presso l’abitazione dell’uomo, a Motta Montecorvino: nel garage, abilmente nascosta tra attrezzistica di ogni genere, è stata rinvenuta una pistola calibro 6.35, con matricola abrasa e in perfetto stato d’uso, completa di relativo munizionamento, oltre a un bilancino di precisione e altro denaro contante, circa 3000 euro, nascosto all’interno di un vecchio paio di scarpe. L’uomo è stato arrestato e condotto al Carcere di Foggia, dove è attualmente ristretto a disposizione della locale Procura della Repubblica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ancora assalto a portavalori sulla A14: paura tra gli automobilisti e traffico bloccato verso Canosa

  • Coronavirus, risalita vertiginosa dei contagi: 26 nuovi casi in Puglia (9 nel Foggiano)

  • Dal Lussemburgo alla Puglia per le ferie: 6 turisti positivi al Covid-19, erano partiti senza attendere i risultati del test

  • Emergenza Covid, ordinanza della Regione: obbligo di mascherina su spazi all'aperto, discoteche e locali

  • Coronavirus, 16 nuovi casi in Puglia (3 nel Foggiano): Cerignola diventa zona rossa

  • "Non posso 'chiudere' la Regione". Emiliano ai prefetti: "Regole ferree: dobbiamo convivere col virus"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento