"Ti ho visto con i tuoi figli, so dove trovarti". Barista chiama i carabinieri, che si fingono clienti e arrestano estorsore

Arrestato un pregiudicato di San Severo molto noto di Ponte Lambro. Il barista ha chiamato i carabinieri della Stazione Milano Rogoredo, che si sono finti clienti del locale per seguire da vicino lo scambio

Foto da MilanoToday

E' stato arrestato con la 'pasta' in mano. Dopo aver bevuto un caffé amaro al bancone del bar a cui stava estorcendo del denaro: aveva appena preso una busta con i soldi frutto delle minacce al titolare. E lo aveva fatto davanti ai carabinieri della Stazione Milano Rogoredo, che si erano finti clienti del locale per seguire da vicino lo scambio. A finire in manette è un pregiudicato molto noto di Ponte Lambro. Lo riporta MilanoToday.

L'estorsione e la richiesta di un Rolex

L'uomo, G. C., un 48enne originario di San Severo, aveva cominciato ad assillare un commerciante del quartiere dalla fine di settembre 2018. Da quando l'imprenditore aveva messo in vendita la sua tabaccheria, stanco di dover gestire l'attività da solo dopo aver subito anche una rapina. In quel momento, con tono amichevole, il 48enne si era offerto come intermediario per aiutarlo nella cessione. Nonostante il rifiuto del commerciante, tuttavia, il pregiudicato aveva insistito e con nonchalance, nel corso dei mesi successivi, continuava a presentarsi nel locale: "Sto lavorando per te"; "Fidati"; "Ti trovo un acquirente"; diceva con insistenza. 

Una dinamica andata avanti in un crescendo via via più assillante. Fino a quando l'imprenditore - grazie ad un'agenzia specializzata - non ha trovato un socio, poco distante, ed ha scelto di trasferire la sua attività nella nuova struttura. A quel punto, il presunto intermediario ha preteso in cambio un orologio Rolex, sostenendo di aver avuto un qualche ruolo nel successo della trattativa. Per rafforzare le sue richieste, il 48enne non mancava di sottolineare al titolare cose come: "Ho visto che hai una nuova auto"; "Ti ho visto con i tuoi figli"; "Sai che so dove trovarti". Minacce sottili ma terrificanti.

La denuncia ai carabinieri e la 'trappola'

Spaventato, finalmente, il commerciante sceglie di andare dai carabinieri della Stazione guidata dal maresciallo Giuseppe Palumbo. Lo fa a marzo. Il pregiudicato in quei giorni gli aveva chiesto esplicitamente 1.300 euro in contanti "per iniziare", aveva detto. I militari preparano una trappola contro il 48enne, che nel frattempo si era dato appuntamento al bar con il titolare. Così, martedì mattina, dopo aver fotocopiato alcune banconote - per circa 200 euro - investigatori e vittime si presentano all'incontro. Dentro il locale, due carabinieri si fingono clienti mentre all'esterno altri attendono il segnale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quando il foggiano vede che nella busta ci sono solo i 200 euro, dà via libera al suo ultimo sfogo: "Io ti dico una cosa e tu ne fai sempre un altra. Fai sempre di testa tua. Non va bene". A quel punto però è chiara la tentata estorsione e scattano le manette. Contro di lui, noto per reati contro il patrimonio, c'era già un mandato di cattura pendente dal 2018 per furto e danneggiamento: doveva scontare 5 mesi e 10 giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, sette casi in Puglia: quattro nuovi contagiati nel Foggiano

  • Terribile incidente stradale a Cerignola: 21enne muore sul colpo, 'miracolati' altri due giovani

  • Intenso nubifragio su Foggia: allagamenti e black out in città, chiuso il sottopasso di via Scillitani

  • Il mare agitato tiene 'in ostaggio' 7 persone (tra cui 3 bambini): militare di Amendola si tuffa in acqua e le salva: "Ho temuto anch'io"

  • Dal Lussemburgo alla Puglia per le ferie: 6 turisti positivi al Covid-19, erano partiti senza attendere i risultati del test

  • "Non posso 'chiudere' la Regione". Emiliano ai prefetti: "Regole ferree: dobbiamo convivere col virus"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento