Maltrattava convivente e tentava approcci sessuali con la figlia 14enne di lei: arrestato

Sono gravissime le accuse mosse nei confronti di un 62enne di Manfredonia, arrestato questa mattina dagli agenti del commissariato sipontino a coronamento di indagini complesse e delicate

Immagine di repertorio

Avrebbe, nel tempo, maltrattato la convivente e le sue due figlie (di 14 e 4 anni) sottoponendole a continue violenze fisiche e psicologiche; non solo, avrebbe cercato, anche tramite violenza, di costringere la figliastra 14enne a subire e compiere atti sessuali. Sono gravissime le accuse mosse nei confronti di un 62enne di Manfredonia, arrestato dagli agenti del commissariato sipontino a coronamento di indagini complesse e delicate. L’uomo, pluripregiudicato, è stato rintracciato questa mattina nella cittadina del golfo sipontino, dove gli è stata notificata l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Foggia.

Orrore a Manfredonia, di cosa è accusa il 62enne

Nell’ordinanza applicativa della misura, nel dettaglio, il 62enne viene indagato per i continui maltrattamenti ad opera della convivente, estesi anche alle due figlie minori di lei; violenze fisiche e tali da provocare -  volontariamente -  sofferenza fisica e morale con episodi accertati dal gennaio 2015 ad oggi. Lo stesso, poi con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso cercava di costringere la figlia 14enne della donna a subire e compiere atti sessuali: in particolare, chiedeva alla ragazza di toccargli le parti intime e di farsi toccare e, al rifiuto della stessa, la colpiva con degli schiaffi; non riuscendo nel suo intento in quanto la stessa, nonostante le percosse rifiutava di compiere gli atti sessuali. Tutto ciò dal dal gennaio 2015 a febbraio 2016.

Le confessioni della 'figliastra' e l'inizio delle indagini

Le indagini sono partite da apprese dalla polizia in occasione di un colloquio con una psicologa del Comune di Manfredonia, alla quale la minore, affidata ai nonni materni, aveva confidato di essere stata abusata sessualmente dall’attuale convivente della madre. Le conseguenti attività investigative hanno consentito di riscontrare ed evidenziare gravi indizi di colpevolezza nei confronti dell’indagato che hanno conseguentemente determinato il GIP del Tribunale di Foggia ad emettere l’ordine di cattura nei confronti dell’indagato e di condurlo immediatamente presso la casa circondariale di Foggia, a disposizione dell’autorità competente. I gravi e qualificati indizi di colpevolezza nei confronti dell’indagato si desumono chiaramente dalle indagini svolte dagli investigatori (dalle quali emerge il coinvolgimento in qualità di parti offese di due minorenni) che hanno consentito di raccogliere importantissimi elementi probatori  e di fare luce sulle condizioni di vita delle due minori e della loro madre.

La 14enne già allontanata dal Tribunale dei Minori

Peraltro, in base a una precedente segnalazione del 2015, relativa all’induzione alla prostituzione di una delle due minorenni, il Tribunale per i Minorenni di Bari aveva già disposto l’affidamento delle due ai servizi sociali del Comune di Manfredonia, collocando la maggiore presso i nonni materni. Tuttavia, la stessa era rimasta a vivere con la madre e il compagno e questi le avevano imposto di non avere rapporti con la nonna, che però in alcune occasioni la ragazza aveva chiamato di nascosto per lamentarsi della mancanza di cibo. Nella serata di un giorno di febbraio 2016, inoltre, la ragazza si era presentata a casa della nonna assai spaventata e aveva chiesto di vivere lì, asserendo di non voler avere più rapporti con la madre ed il compagno. A distanza di tempo (nel gennaio 2017) la ragazza aveva confidato che in quell’occasione si era allontanata dalla casa della madre a seguito dell’ennesima condotta violenta tenuta dall’indagato, il quale l’aveva ripetutamente colpita con dei calci alla pancia obbligandola a stare ferma con le braccia alzate per palparla nelle parti intime e pretendendo che lei facesse lo stesso. L’indagato aveva avuto comportamenti violenti anche nei confronti della madre, picchiata al punto da procurarle un aborto. La minore nel precisare i vari accadimenti ha descritto le violenze giornaliere alle quali erano sottoposte lei, la sorellina minore e la mamma. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento