Picchiata con violenza a più riprese, calci e pugni in varie parti del corpo: arrestato marito violento

L’indagato, nel corso degli ultimi anni, ha maltrattato la moglie, sottoponendola ad un regime di vita intollerabile, sia sotto il profilo materiale che morale, con atti di sopraffazione prevaricatoria e violenze fisiche e psicologiche

Immagine di repertorio

Anni di maltrattamenti, vessazioni e violenze. Così fino al momento dell'arresto, da parte degli agenti della squadra mobile, di un marito violento foggiano, classe 1992, accusato dei reati di maltrattamento e lesioni aggravate nei confronti della moglie 35enne.

La polizia, a seguito di attività d’indagine coordinata e diretta dalla locale Procura di Foggia, ha dato esecuzione all’ordinanza applicativa della misura cautelare personale in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale nei confronti dell'uomo. L’indagato, nel corso degli ultimi anni, ha maltrattato la consorte, sottoponendola ad un regime di vita intollerabile, sia sotto il profilo materiale che morale, con atti di sopraffazione prevaricatoria, tali da alimentare nella predetta un continuo stato di pressione e di prostrazione psicologica.

In particolare l'uomo, rivolgendosi alla consorte con atteggiamenti e toni alterati, la denigrava e aggrediva in improvvisi accessi di ira, dettati anche dallo stato di alterazione in cui versava, quando la umiliava con espressioni ingiuriose, nonché minacciava ritorsioni e la colpiva ripetutamente con violenza su varie parti del corpo, provocando lesioni, che la stessa si faceva refertare omettendo, per timore di ritorsioni, che si trattava del proprio coniuge.

In particolare l’attività investigativa ha permesso di ricostruire l’episodio del 3 settembre del 2018, quando l'uomo ha aggredito la propria consorte con violenza, cagionandole lesioni personali, consistite in trauma cranico cervicalgia, trauma contusivo toracico-addominale. In altra occasione, a gennaio di quest'anno, l’indagato dopo aver strappato dalle mani della moglie il suo telefono cellulare, lo distruggeva per poi aggredirla con calci e pugni, cagionandole lesioni personali consistite anche in ematomi alle gambe, all’interno della coscia destra ed al braccio sinistro giudicate guaribili in 20 giorni.

Le condotte maltrattanti, protrattesi nel corso degli anni, tanto da divenire la quotidianità, si sono intensificate con una preoccupante escalation nell’ultimo periodo, susseguendosi con cadenza quotidiana: la donna era costretta a subire in casa le violenze del marito, sotto la minaccia di gravi ritorsioni

La ricostruzione dei fatti denunciati dalla vittima (sin dall’inizio veritiera, coerente e non contraddittoria), confermata dalle sommarie informazioni rese dalle persone escusse (familiari, personale medico) e dall’attività di indagine consistita nell’acquisizione di documentazione medica (referti) attestanti le lesioni patite nel corso degli anni dalla vittima ad opera dell’indagato. L’attività investigativa avvenuta in tempi ristretti, ha consentito all’autorità giudiziaria di emettere la misura custoditale in carcere nei confronti dell’indagato avendo quest’ultimo diversi precedenti di natura specifica (anche contro la madre in età minore).  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento