Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca Centro - Piazza Giordano / Via Pietro Scrocco

Con due fendenti ferì nigeriano al mercato 'Rosati': arrestato Luigi Campanile

Si tratta di un 38 di Foggia, tratto in arresto già sette anni fa, scontando alcuni anni di carcere, per il medesimo reato perpetrato nei confronti di un cittadino senegalese in eguali modalità. Si cerca il suo complice

Dovrà rispondere di tentato omicidio l’uomo che lo scorso sabato mattina, in via Pietro Scrocco, nel pressi del mercato ‘Rosati’, ha aggredito e ferito con due coltellate un cittadino nigeriano che da alcuni giorni sostava all’angolo della strada per chiedere la carità ai passanti.

Per il fatto, i carabinieri del Comando provinciale di Foggia hanno arrestato Luigi Campanile, foggiano di 38 anni, con precedenti specifici. Il fatto è accaduto lo scorso sabato mattina, poco prima delle dodici quando,  al termine di un litigio, il cittadino nigeriano è stato aggredito e ferito con due coltellate all’addome, all’altezza del polmone ed a un fianco.

Il malcapitato è stato immediatamente soccorso dai sanitari del 118 e dai carabinieri che, giunti sul posto, hanno avviato le indagini del caso per l’identificazione degli autori della brutale aggressione. Il cittadino nigeriano, invece, è stato ricoverato al Pronto Soccorso cittadino e, nonostante i due fendenti ricevuti, le sue condizioni di salute non sono apparse preoccupanti.

Nell’immediatezza dei fatti, nessuno degli astanti – tutti possibili testimoni  – ha saputo o voluto fornire indicazioni precise sull’accaduto, ma nel corso della giornata di sabato sono state numerose le segnalazioni anonime giunte agli inquirenti. Tutte indicazioni che hanno trovato riscontro nelle indagini condotte dai militari e nelle dichiarazioni fornite dalla vittima stessa, Godwin Eboigbe, richiedente asilo di 32 anni.

Così, i carabinieri sono riusciti a risalire all’identità dell’aggressore, che inizialmente si era reso irreperibile, ma è stato poi rintracciato e tratto in arresto. Campanile – spiegano i militari -  era stato tratto in arresto già sette anni fa, scontando alcuni anni di carcere per il medesimo reato perpetrato nei confronti di un cittadino senegalese in eguali modalità. Stesso movente, stessi luoghi, stesso sistema. Secondo quando riferito dai militari, infatti, il 38enne non avrebbe gradito la presenza fissa del nigeriano nei pressi della bancarella di frutta e verdura gestita della sua famiglia, al mercato Rosati.

Una versione confermata, con l’aiuto di un interprete dalla vittima stessa, che ha proceduto all’identificazione del suo aggressore. “Una versione dell’accaduto genuina – precisano gli inquirenti – priva di qualsivoglia sovrastruttura strumentale”. Una versione dei fatti, quindi, che smentisce quella avanzata dagli Avvocati e Psicologi di Strada che nel pomeriggio di ieri, con una nota ufficiale, rimandava l’accaduto ad un tentativo di rapina, ovvero per sottrarre al 32enne il denaro raggranellato tramite l’elemosina. Campanile è stato associato al carcere di Foggia. Sull’accaduto sono in corso ulteriori indagini volte ad identificare il complice dell’aggressione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Con due fendenti ferì nigeriano al mercato 'Rosati': arrestato Luigi Campanile
FoggiaToday è in caricamento