rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca San Pio X / Via Luigi Sbano

Paura in via Sbano, a volto scoperto e pistola in pugno spara contro 20enne: arrestato Ciavarella

In una manciata di ore, gli uomini della squadra mobile hanno individuato e arrestato l'autore delle pistolettate dello scorso sabato, in via Sbano. Fondamentali le immagini delle telecamere presenti in zona

Colpi di pistola esplosi in strada, nei pressi di una rivendita di bibite. Un 20enne incensurato l’obiettivo delle pistolettate; due i colpi andati a segno, entrambi alle caviglie del giovane. E’ quanto successo, in breve, alle 19 dello scorso sabato, in via Sbano, al limite tra la zona Macchia Gialla ed il Quartiere Cep, alla periferia sud della città.

Le immagini video del tentato omicidio

La vittima, così come il giovane armato, si è subito allontanata: la prima per presentarsi in pronto soccorso e ricevere le cure del caso; il secondo per far perdere le proprie tracce. Nel frattempo, alla centrale della polizia sono giunte alcune telefonate dei residenti della zona che riferivano di colpi di pistola in zona via Imperiale; le immagini delle telecamere hanno poi permesso agli agenti di ricostruire il tutto. In una manciata di ore, gli uomini della squadra mobile di Foggia sono riusciti ad individuare l’autore del gesto: si tratta di Leonardo Ciavarella, 23enne foggiano, sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno, con vari precedenti di Polizia. Il giovane è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio e porto illegale di arma da sparo clandestina.

Poca collaborazione da parte della vittima: ascoltato dalla polizia, il giovane ha fornito una versione fuorviante e per nulla collaborativa. Di grande aiuto, invece, sono state le immagini delle telecamere presenti nell’attività, che hanno mostrato Ciavarella sopraggiungere nei pressi del civico 37 di quella via e - a volto scoperto e con la pistola in pugno - affrontare il 20enne che era all'esterno del negozio. Sul posto, la polizia ha repertato due bossoli calibro 6,35 e una ogiva; l’arma (con matricola abrasa e caricatore vuoto) è stata poi recuperata a carico dell’indagato, condotto presso il carcere di Foggia, a disposizione della Procura della Repubblica di Foggia. Ancora da appurare il movente del grave atto intimidatorio.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paura in via Sbano, a volto scoperto e pistola in pugno spara contro 20enne: arrestato Ciavarella

FoggiaToday è in caricamento