Cronaca

Pubblica annunci di vendita, ma uomo la subissa di telefonate volgari

Un avvocato donna voleva vendere dei mobili, ma un impiegato 56enne la chiamava chiedendole di spogliarsi

Meno violento, ma non per questo meno invasivo e lesivo della dignità e della libertà personale è, invece, quanto accaduto ad una professionista foggiana, sposata e con una vita regolare e serena. Almeno fino a quando, la donna – avvocato di circa 50 anni – non decise di pubblicare, su un giornale locale, un annuncio per la vendita di mobili e arredi vari. Dalla pubblicazione di tale inserzione, per la donna è iniziato l’inferno: è stata subissata di telefonate dal chiaro contenuto equivoco e volgare da parte di un anonimo interlocutore.

Quest’ultimo, nel crescendo di telefonate aggiungeva sempre nuovi ed inquietanti particolari che dimostravano quanto l’uomo conoscesse la donna e la controllasse nelle sue attività quotidiane più intime. Nemmeno l’intervento del marito, che ha risposto a più di una telefonata dello stalker telefonico, è riuscito a porre fine a tali episodi.

Al contrario: l’interlocutore anziché desistere, ha continuato a molestare l’avvocatessa con maggiore convinzione, rincarando la dose con minacce terribili: per averlo indotto a parlare con il marito, l’uomo annunciava che prima o poi le avrebbe usato violenza; analogo trattamento le avrebbe riservato qualora avesse cambiato numero di cellulare.

Dopo la denuncia presentata dalla donna e a seguito di una delicata e laboriosa attività investigativa, gli agenti della squadra mobile di Foggia hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti del foggiano D. C. M., impiegato di 56 anni, responsabile del reato di stalking.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pubblica annunci di vendita, ma uomo la subissa di telefonate volgari

FoggiaToday è in caricamento