Risolto l’omicidio Bonaventura, la contesa di un locale abusivo la causa: fermato Volpe

Dopo Matteo Anastasio i carabinieri di San Severo hanno rintracciato a Pescara e arrestato Giuseppe Volpe, il 27enne che avrebbe sparato a Giuseppe Bonaventura in via Carli dopo una lite per un locale abusivo

Volpe e Anastasio

Risolto l’omicidio di Giuseppe Bonaventura, il 45enne morto al Pronto Soccorso del ‘Masselli Mascia di San Severo’, dove era stato trasportato in seguito a un colpo d’arma da fuoco al torace, sparatogli successivamente ad una lite avvenuta in via Mario Carli lo scorso 20 settembre. Questi i fatti secondo la ricostruzione dei carabinieri, ai quali sono bastati alcuni indizi e testimonianze per risolvere il grave episodio di cronaca.

Le immediate indagini dei militari dell’Arma hanno fatto emergere sin da subito che la vittima aveva avuto una discussione in via Mario Carli con Giuseppe Volpe, di anni 27. Nel dettaglio, era intervenuta in difesa di una coppia di suoi amici che avevano abusivamente occupato una sala condominiale di un condominio di via Mario Carli e adibita ad abitazione. Circostanza, questa, poco gradita al Volpe, che già alloggiava in un appartamento ubicato al sesto piano dello stesso stabile ed era interessato anche’egli all’utilizzo del locale conteso.

La discussione tra i due era degenerata quando Bonaventura aveva colpito più volte al viso e al corpo, Giuseppe Volpe, che insieme a Matteo Anastasio, classe ’79, anch’egli di San Severo, si allontanava a bordo di una Fiat Panda, posizionandosi a pochi metri dall’uscita del condominio. Poco dopo, insieme altri due soggetti, Bonaventura saliva a bordo della sua autovettura ed usciva dall’ingresso condominiale, dove ad attenderlo c’era il ventisettenne. Dopo un’altra breve lite, il ragazzo esplodeva alcuni colpi di pistola all’indirizzo del 45enne, attingendolo gravemente all’emitorace destro, per poi allontanarsi a forte velocità.

A conclusione di un’articolata attività investigativa i carabinieri riuscivano a raccogliere i gravi indizi di colpevolezza idonei a far emettere alla Procura della Repubblica di Foggia due fermi di indiziato di delitto a carico del 27enne e del 36enne. Dopo aver eseguito il provvedimento restrittivo a carico di Matteo Anastasio, ieri sera è stato individuato a Pescara e tratto in arresto anche Volpe. Lo stesso è stato associato alla locale casa circondariale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento