Cronaca Manfredonia

Litiga con la moglie, l'aggredisce con graffi e la minaccia con un coltello: arrestato

E' accaduto a Manfredonia. Il 35enne è accusato dei reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni e detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio

Maltrattamenti in famiglia, lesioni e detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. Con queste accuse, gli agenti delle volanti del commissariato di Manfredonia, hanno arrestato, in flagranza di reato, un 35enne del posto.

Il fatto risale a mercoledì sera, quando sulla linea telefonica del 113 è giunta una richiesta di aiuto da parte di una donna che denunciava una violenta lite in atto con il suo convivente. Dopo pochissimi minuti gli agenti della volante hanno raggiunto l’abitazione della donna, dove all’interno vi era ancora il suo convivente. Al momento dell’intervento, la donna mostrava sulle braccia e sul torace evidenti graffi che gli erano stati procurati dal suo convivente durante il litigio.

Gli agenti hanno poi accertato che l’uomo - Giuseppe Rago -  durante il litigio, aveva impugnato un coltello da cucina ed aveva iniziato a minacciare di morte la sua convivente. Dalle parole, quindi, lo stesso era passato alle vie di fatto cercando di colpire la donna; quest’ultima ha provato in tutti i modi a sfilargli il coltello dalle mani ma, durante la colluttazione, la lama si è spezzata all’altezza del manico. La donna ha poi confessato agli agenti che più volte era stata aggredita dal suo convivente ma quella era la prima volta che veniva minacciata di morte

Episodio che ha indotto la stessa a denunciare l’accaduto. Nel prosieguo delle indagini si è accertato anche che a subire le violenze dell’uomo non era solo la sua convivente, ma anche la figlia minore della donna e sua madre. Al termine dell’intervento, gli agenti - insospettiti  dalla presenza di un bilancino di precisione, solitamente utilizzato per il confezionamento di dosi di stupefacenti - hanno effettuato una perquisizione domiciliare ritenendo che all’interno dell’abitazione potesse essere occultata della sostanza stupefacente. 

Sospetto rivelatosi reale e concreto: celati all’interno di una bomboniera, infatti, sono stati rinvenuti 8 involucri termo sigillati di plastica bianca, contenti cocaina per complessivi 4,44 gr. Per i fatti, l’uomo è arrestato e accompagnato al carcere di Foggia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Litiga con la moglie, l'aggredisce con graffi e la minaccia con un coltello: arrestato

FoggiaToday è in caricamento