Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca San Giovanni Rotondo

San Giovanni Rotondo, accoltella compagna in ospedale al termine di un litigio: arrestato

E' successo ieri, nei corridoi di Casa Sollievo della Sofferenza. I carabinieri hanno arrestato Giuseppe Pupillo, di Vico del Gargano. La donna, colpita da 4 fendenti è ora in prognosi riservata, dopo un delicato intervento chirurgico

Ha impugnato un coltello a serramanico e ha colpito la sua compagna con quattro fendenti in varie parti del colpo, riducendola quasi in fin di vita. Una violenta aggressione avvenuta nella tarda mattinata di ieri nei corridoi dell’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, dove la vittima dell’accaduto – una casalinga 30enne di Vico del Gargano – si trovava ricoverata da circa una settimana.

Per il fatto, i carabinieri della compagnia di San Giovanni Rotondo hanno arrestato Giuseppe Pupillo, 48enne di Vico, ora accusato del reato di tentato omicidio, per il quale è ora ristretto al carcere di Foggia a disposizione della locale Procura. Raccapricciante la scena che si è presentata agli occhi dei sanitari, dei degenti e degli avventori della struttura ospedaliera, all’interno della quale, con quattro fendenti assestati con rabbia, l’uomo ha costretto la donna a terra, esanime.

Secondo quanto ricostruito, era da poco passato mezzogiorno quando, nell’atrio esterno al reparto di Medicina Interna, in prossimità della cappella al secondo piano, un uomo aveva colpito con diverse coltellate la convivente. L’aggressione era avvenuta al termine dell’ennesima discussione che minava una convivenza che durava da 10 anni ma mossa da venti di burrasca. Il colloquio tra i due si era mostrato sin da subito animato, tanto da indurre alcuni medici a chiedere loro di abbassare i toni e mantenere il giusto contegno richiesto dal luogo nel quale si trovavano.

Tale esortazione sembrava aver avuto l’effetto sperato, fino a quando l’uomo ha impugnato un coltello a serramanico con il quale ha ripetutamente colpito la donna ferendola in più parti del corpo (parete anteriore e posteriore dell’emitorace sinistro e dell’avambraccio omolaterale), procurandole gravi lesioni, tanto da indurre i sanitari a sottoporla ad un urgente intervento chirurgico ed al successivo ricovero nel reparto di Chirurgia toraco-polmonare, dove è ancora in prognosi riservata.

L’immediato intervento dei militari ha permesso di rintracciare nel giro di pochi minuti l’autore dell’aggressione che, nel frattempo, stava guadagnando l’uscita dalla struttura ospedaliera: l’uomo, infatti, è stato fermato nel piazzale antistante la struttura, dove è stato fermato dai militari in servizio di ordine pubblico insospettiti dalle vistose macchie di sangue che l’uomo presentava sui vestiti. Successivamente è stato ritrovato anche il coltello con il quale il 48enne ha colpito la sua compagna che era stato gettato in un cestino porta-rifiuti dell’ospedale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Giovanni Rotondo, accoltella compagna in ospedale al termine di un litigio: arrestato

FoggiaToday è in caricamento