Mantovano: "Cattura Pacilli è liberazione dalla morsa criminale"

Il sottosgretario degli Interni si dice soddisfatto dell'operazione condotta dagli uomini delle squadre mobili delle questure di Bari, Foggia e dello Sco

Il sottosegretario degli interni, l'onorevole Alfredo Mantovano, ha espresso profonda soddisfazione per la cattura di Giuseppa Pacilli.

"La cattura del latitante Pacilli è una operazione di polizia che ha caratteri eccezionali: per il risultato raggiunto, per la tenacia impiegata nel conseguirla, per il tempismo nella esecuzione, per la generosità e la dedizione degli uomini delle squadre mobili delle questure di Bari e di Foggia e dello Sco, per la tecnologia adoperata. Ma è al tempo stesso la dimostrazione dell'efficacia del metodo avviato fin dal novembre 2009 dal ministro Maroni, che ha portato ad applicare a Bari, con i dovuti adattamenti, il c.d. modello Caserta; un metodo che ha visto in quasi due anni una collaborazione stretta e fruttuosa fra la magistratura inquirente del distretto barese (in particolare, il procuratore Laudati e i procuratori di Foggia e di Lucera) e i vertici nazionali e territoriali delle forze di polizia, in un interscambio reale di valutazioni e di informazioni, sotto la guida del ministro dell'Interno, che nel luglio 2010 è arrivato a presiedere una riunione alle porte del Gargano, a Manfredonia. Ci si era dati, fra gli altri, come obiettivi la cattura dei due latitanti più pericolosi dell'area garganica, con la formazione di gruppi operativi ad hoc, uno dei Carabinieri e uno della Polizia di Stato, e il lavoro "per progetto" ha funzionato. L'operazione di questa notte, che segue di poco un importante sequestro di beni di provenienza mafiosa a Vieste, è quindi una tappa importante dell'opera di liberazione del foggiano dalla morsa criminale: vi è oggi l'occasione storica di rendere stabile per il territorio quella che è una vittoria per tutti gli onesti".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • "Irresponsabile incoraggiare la didattica in presenza". Appello di Emiliano al mondo della scuola. "La mia non è una crociata"

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

Torna su
FoggiaToday è in caricamento