Cronaca Via Napoli

Foggia, accoltella i fratelli per una sigaretta: panico agli Ospedali Riuniti

Per il fatto è stato arrestato Giuseppe Muraglia di 29 anni. Dovrà rispondere del duplice tentato omicidio dei fratelli, rimasti gravemente feriti: uno ha perso un rene, l'altro la milza e sono tutt'ora ricoverati in prognosi riservata

Con un coltello a serramanico ha ferito gravemente due dei suoi tre fratelli. Uno ha perso un rene, l’altro ha dovuto subire l’asportazione della milza: tutto ciò per un banale litigio scaturito dalla richiesta di una sigaretta.

E’ quanto accaduto lo scorso sabato pomeriggio, nella sala d’attesa del nuovo reparto rianimazione degli Ospedali Riuniti di Foggia dove, a seguito di un banale litigio, Giuseppe Muraglia, 29enne foggiano, ha accoltellato il fratello Maurizio di 20 anni e il fratello uterino Francesco Ricci di 34. Entrambi sono ricoverati in gravi condizioni nel reparto rianimazione del nosocomio foggiano: non sono in pericolo di vita, ma di certo porteranno a vita i segni di un pomeriggio di ordinaria follia.

Il fatto è accaduto alle 17 dello scorso sabato, quando i tre fratelli si trovavano, insieme ad altri familiari, nella sala d’attesa del reparto rianimazione, al capezzale dell’anziana nonna ricoverata già da alcuni giorni. Tutto si è consumato in una manciata di minuti, sotto lo sguardo sbigottito della madre dei tre uomini e del personale medico-sanitario presente in reparto. Dalla richiesta di una sigaretta all’estrazione di un coltello dalla lama lunga 10 cm il passo è stato breve: nel mezzo, una risposta giudicata dal 29enne “sopra le righe”.

Muraglia ha estratto il coltello che aveva in tasca e si è avventato contro il fratellastro; tra loro, il fratello Maurizio che nel tentativo di dividere i due ha incassato una coltellata all’addome che gli ha lesionato la milza. Un secondo fendente inferto al fianco del 34enne, invece, ha letteralmente diviso in due il rene dell’uomo, organo che è stato successivamente asportato.

Nel reparto si è scatenato il panico: l’intervento delle guardie giurate in servizio nel plesso ospedaliero ha evitato il peggio, riuscendo quantomeno a disarmare l’uomo che è stato bloccato dai carabinieri che lo hanno rintracciato ed arrestato poco dopo, mentre vagava nei pressi dell’ingresso posteriore dell’Ospedale: dovrà rispondere del duplice tentato omicidio dei suoi fratelli.

Sul pavimento della sala d’attesa della rianimazione, invece, rimanevano - in una pozza di sangue - i due uomini feriti che, trovandosi già in ospedale, sono stati immediatamente soccorsi e sottoposti a delicati interventi chirurgici e, al momento, sono ricoverati in prognosi riservata nel reparto rianimazione. Medicato anche il 29enne, ferito ad una mano mentre veniva disarmato dalle guardie giurate in servizio nel plesso ospedaliero.

FOTO | Lite furibonda in ospedale: accoltella fratelli per una sigaretta

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foggia, accoltella i fratelli per una sigaretta: panico agli Ospedali Riuniti

FoggiaToday è in caricamento