Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Cerignola

Si reca in commissariato per parlare con il dirigente, ma aggredisce poliziotto

Un 40enne di Cerignola è finito prima ai domiciliari, poi in carcere per non essersi fatto trovare in casa. L’agente ferito è stato medicato e giudicato guaribile in tre giorni

Si è presentato agli uffici del commissariato di Cerignola chiedendo e pretendendo di parlare con il dirigente. Nonostante un poliziotto lo avesse informato della sua assenza, Giuseppe Antonacci, classe 1974 e persona nota agli uffici di polizia, ha cominciato ad inveirgli contro, minacciandolo e ingaggiando una violenta colluttazione sedata in un secondo momento grazie all’intervento dei colleghi del 113, richiamati dalle urla provenienti dal corpo di guardia.

L’agente ferito è stato poi medicato al Pronto Soccorso e giudicato guaribile in tre giorni. Per il 40enne l’autorità giudiziaria disponeva la misura degli arresti domiciliari. Quando però questa mattina gli uomini in divisa si sono recati presso il suo domicilio per accompagnarlo al Tribunale di Foggia dove sarebbe stato giudicato con il rito per direttissima, Antonacci non era in casa ma a passeggio in via Ofantina. Qui una volante lo ha bloccato e accompagnato in commissariato. Ora si trova rinchiuso nel carcere di Foggia

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si reca in commissariato per parlare con il dirigente, ma aggredisce poliziotto

FoggiaToday è in caricamento