Sparatoria via Rosati: arrestato il 31enne ferito. Proseguono le indagini

L'agguato potrebbe essere legato al mondo legato allo spaccio di sostanze stupefacenti. Albanese si trova in stato di arresto agli Ospedali Riuniti. In casa sua trovate armi e 8 grammi di cocaina

Le condizioni di Giuseppe Albanese, il 31enne ferito nella sparatoria di via Giuseppe Rosati con quattro colpi di pistola al petto, ai glutei e alla coscia, sono in netto miglioramento. La vittima però è in stato di arresto in seguito al ritrovamento da parte degli agenti del commissariato di polizia, di una pistola calibro 7,65, una scacciacani e circa 8 grammi di cocaina all’interno della sua abitazione.

Da una prima ricostruzione sembra ormai certa la dinamica della sparatoria. Giuseppe Albanese si trovava in sella ad uno scooter e stava rientrando a casa. Una persona incappucciata gli si è avvicinata e gli ha sparato nove colpi di pistola, quattro dei quali lo hanno raggiunto al corpo colpendolo due volte al petto, una ai glutei e l’altra ancora alla coscia.

I dubbi sul perché dell’agguato potrebbero essere sciolti in queste ore. I poliziotti stanno setacciando tutte le zone del capoluogo dauno e indagando sul mondo legato allo spaccio di sostanze stupefacenti. Effettuati finora quattro stub.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento