menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Rumori nel ristorante chiuso, cittadino chiama il 112: foggiano arrestato con le mani nel sacco

E' accaduto nella notte tra sabato e domenica, in pieno centro, a Lucera. Arrestato in flagranza di reato un 29enne foggiano. I carabinieri: "Il senso civico di un cittadino si è rivelato risolutivo"

Rumori sospetti dal ristorante (chiuso), cittadino chiama il 112 e fa arrestare ladro notturno. E' accaduto a Lucera, dove i carabinieri hanno arrestato, nell’ambito di un ampio servizio di controllo straordinario del territorio, un 29enne foggiano nella flagranza del reato di furto pluriaggravato.

Il fatto si è verificato intorno alle 2.30 della notte tra sabato e domenica scorsi, quando i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, su segnalazione di un cittadino che aveva avvertito dei rumori anomali provenire dai locali di un vicino ristorante, sono intervenuti nella centralissima via Aldo Moro riuscendo a cogliere il malvivente sul fatto.

L’uomo era già riuscito a forzare un registratore di cassa e un distributore automatico di bevande - appropriandosi del denaro contenuto all’interno - quando i carabinieri sono intervenuti. Vistosi scoperto, il giovane ha tentato la fuga a piedi per le vie del centro, venendo però raggiunto e bloccato dopo poche decine di metri. Reso inoffensivo il malfattore, i militari hanno poi effettuato con il proprietario un accurato sopralluogo all’interno dell’attività di ristorazione, riscontrando che erano già state asportate anche alcune casse di bevande e alimenti vari, verosimilmente con l’ausilio di altri complici, tuttora in corso di identificazione.

Il giovane è stato così condotto presso la caserma di via San Domenico per essere sottoposto agli accertamenti di rito, all’esito dei quali, inchiodato alle proprie responsabilità dalle evidenze della flagranza del reato, è stato dichiarato in stato di arresto. All’esito del giudizio direttissimo, celebrato presso il Tribunale di Foggia, il 29enne è stato sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora nel Comune di residenza, con l’ulteriore prescrizione di non allontanarsi dalla propria abitazione in orario notturno.  

"Ancora una volta - fanno sapere dal Comando provinciale dei carabinieri di Foggia - il senso civico di un cittadino si è rivelato risolutivo per evitare che un furto passasse impunito, confermando nuovamente quanto la collaborazione della popolazione sia decisiva per il lavoro delle forze dell'ordine".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Proprietà e benefici delle fave

Attualità

O la si salva o la si uccide

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento