Furto ai danni del ripetitore Vodafone di Cerignola: arrestato il responsabile, sconterà 1 anno e 4 mesi di reclusione

Si tratta di un cittadino marocchino di 29 anni, che risponderà di furto aggravato e resistenza. Lo stesso, irregolare sul territorio nazionale, è stato anche segnalato alle Autorità competenti per l’avvio delle procedure di espulsione. Fondamentale la tempestività della segnalazione del furto

La refurtiva

Bloccato in flagranza il responsabile del furto al ripetitore Vodafone di Cerignola. Fondamentale la tempestività della segnalazione, che ha permesso ai carabinieri di arrestare il responsabile che è stato immediatamente giudicato e condannato. Si tratta di un cittadino marocchino di 29 anni

Alcuni giorni fa, allertati dalla Centrale Operativa della segnalazione di un furto appena commesso presso il ripetitore Vodafone di contrada Mezzana Coperta di Cerignola, i militari, nel recarsi sul posto hanno incrociato una Kia Sportage, con targhe bulgare, che si stava allontanando dalla zona segnalata. Intuito che potesse trattarsi del responsabile, i carabinieri hanno invertito la marcia e si sono gettati all'inseguimento dell'auto sospetta, il cui conducente, vistosi tallonato dai carabinieri, ha accelerato l'andatura, nel tentativo di sfuggire, innescando così un pericoloso inseguimento, durato fino a Stornarella, lungo la S.P. 83, dove è finalmente stato bloccato.

Raggiunto il mezzo, i carabinieri hanno avuto conferma al sospetto, avendo trovato a bordo dell'auto otto grosse batterie professionali, appena sottratte dal ripetitore di telefonia mobile della Vodafone. La refurtiva, del valore complessivo di oltre 6.000 euro, è stata recuperata. L’uomo, invece, trovato in possesso di diversi arnesi da scasso, sottoposti a sequestro, è stato accompagnato in caserma, a Cerignola, dove è stato dichiarato in arresto per furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale. Dopo la convalida dell’arresto, il 29enne è stato giudicato con rito direttissimo e condannato alla pena di un anno e quattro mesi di reclusione. Lo stesso, irregolare sul territorio nazionale, è stato anche segnalato alle Autorità competenti per l’avvio delle procedure di espulsione dal territorio dello Stato. Ancora una volta si è quindi confermata fondamentale per la felice soluzione la tempestività della segnalazione del furto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

Torna su
FoggiaToday è in caricamento