Taglia legna nei boschi del Gargano: arrestato 27enne recidivo, fugge complice

Gli uomini del Corpo Forestale hanno sequestrato 40 quintali di legname. Il ragazzo è di San Marco in Lamis, ma residente a San Nicandro Garganico

Legname sequestrato

Sorpreso dagli uomini del Corpo Forestale di San Nicandro mentre tagliava legna da ardere nel territorio del Parco Nazionale del Gargano. Quaranta i quintali di legna che un 27enne di San Marco in Lamis, ma residente a San Nicandro, aveva già tagliato nell’area protetta del “Bosco Spinapulci”.

L'attività rientra nell’ambito di una più vasta azione di contrasto del grave fenomeno dei tagli boschivi abusivi disposta dal Coordinamento Territoriale per l’Ambiente. Secondo quanto accertato dai forestali, alcune piante tagliate riportavano alla base del tronco ancora il sigillo della regione Puglia poiché destinate ad essere sottoposte al taglio fitosanitario autorizzato dal Servizio Foreste regionale, appaltato dal Comune ad una impresa boschiva del luogo. Lo stesso legname del peso di 40 quintali è stato sottoposto a sequestro penale, unitamente alla motosega e altri attrezzi da boscaiolo.

Il soggetto, già recidivo per tale reato, sottoposto agli arresti domiciliari, era aiutato da altra persona che alla vista degli agenti del Corpo Forestale dello Stato, si dava alla fuga riuscendo a dileguarsi (sono tuttora in corso le indagini atte a identificare il fuggiasco).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel pomeriggio di ieri, invece, l’arrestato è stato sottoposto a giudizio direttissimo e condannato a quattro mesi e venti giorni di reclusione e al pagamento della multa di 200 euro. Successivamente è stata ordinata la confisca e distruzione dei mezzi sequestrati e disposta la misura cautelare personale coercitiva dell’obbligo della firma presso la polizia giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Coronavirus: 75 casi in provincia di Foggia, in Puglia sono 301 e tre morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento