Strappa il cellulare a una ragazza, padre della vittima lo insegue: arrestato dai carabinieri

L'uomo, un 35enne del Gambia, è stato fermato dal padre della ragazza e dai carabinieri. Lo stesso è stato arrestato e accompagnato in carcere.

Immagine di repertorio

Raggiunta alle spalle e rapinata del telefono cellulare. E’ accaduto nella giornata di ieri, in viale Ofanto, a Foggia. Vittima dell’accaduto è una giovane foggiana, derubata in strada, a pochi passi da casa. Secondo quanto ricostruito la giovane stava passeggiando nei pressi della sua abitazione, quando lo straniero, approfittando del fatto che quest’ultima fosse intenta a ‘messaggiare’, è giunto alle spalle e le ha strappato dalle mani il cellulare.

La malcapitata e il padre di quest’ultima, che si trovava poco distante, hanno tentato di inseguire il rapinatore che è fuggito lungo il viale, in direzione stadio. Intanto, un’amica della giovane, che aveva assistito alla scena, ha chiamato il 112 fornendo una precisa descrizione dello straniero e di quanto accaduto.

L’uomo, un 35enne del Gambia, è stato fermato dal padre della ragazza e dai carabinieri, nel frattempo giunti sul posto. Al momento del fermo non aveva documenti di riconoscimento ed è stato accompagnato in caserma dove è stato sottoposto a rilievi fotodattiloscopici e accompagnato in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultima ora: primo caso di Coronavirus in Puglia

  • Terribile incidente nel Foggiano: morto 42enne. Dopo il violento impatto, l'auto si è ribaltata ed è finita fuori strada

  • Tampone su un paziente, si attendono i risultati: quarantena provvisoria per i sanitari entrati in contatto col soggetto

  • In Puglia 5 casi con sintomi sovrapponibili a quelli del Coronavirus: chi rientra a casa dalle zone rosse deve comunicarlo

  • Coronavirus: altri due casi in Puglia, sono la moglie e il fratello del 'Paziente 1' della provincia di Taranto

  • Scacco matto alla pericolosa 'Banda del Buco', otto arresti tra Foggia e San Severo: i nomi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento