Assaltarono portavalori ingaggiando un conflitto a fuoco con i carabinieri: un arresto

Era il 2 settembre 2011, tra San Nicandro Garganico e Torre Mileto. In carcere è finito Francesco Pio Gentile di Mattinata. L'assalto al furgone portavalori NP Service fallì per l'intervento dei carabinieri

Il furgone assaltato

I carabinieri del comando provinciale di Foggia hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale del capoluogo su richiesta della locale Procura, nei confronti di Francesco Pio Gentile, 46enne di Mattinata, gravemente indiziato dei reati in concorso di tentata rapina, porto e detenzione illegale di armi e ricettazione.

Era il mattino del 2 settembre 2011 quando un furgone portavalori dell’istituto di vigilanza NP Service, al cui interno viaggiavano tre guardie all’altezza del km 4 della provinciale 41 bis veniva bloccato da una decina di individui armati con fucili kalashnikov. L’intento criminoso di rapinare i valori contenuti all’interno della cassaforte falliva per l’intervento di una pattuglia dei carabinieri, che ingaggiava un conflitto a fuoco con i malviventi costringendoli alla fuga a bordo di tre autovetture.

Le indagini, condotte senza soluzione di continuità dai militari dell’Arma, hanno fatto emergere importanti elementi investigativi circa il coinvolgimento di Francesco Pio Gentile permettendo all’Autorità Giudiziaria l’emissione del provvedimento restrittivo. A consentire la ricostruzione dei momenti salienti sono risultati determinanti le dichiarazioni rese da quanti, loro malgrado, erano stati protagonisti della vicenda.

Le guardie giurate hanno raccontato che dopo una curva si erano trovati di fronte una betoniera che procedeva verso di loro al centro della strada. Intuito il tentativo di rapina, il conducente aveva inserito la retromarcia nel tentativo di allontanarsi, purtroppo invano per il sopraggiungere di una Audi A4 di colore scuro. Nel frattempo cinque o sei persone aprivano il fuoco costringendo i vigilantes a scendere dal mezzo e a sdraiarsi sull’asfalto, sottraendo loro le pistole, il munizionamento e i giubbotti antiproiettili.

VIDEO ASSALTO PORTAVALORI A SAN NICANDRO

Proprio mentre i malviventi cominciavano a tagliare le lamiere del furgone con una fiamma ossidrica, giungevano gli uomini in divisa che ingaggiavano un conflitto a fuoco. Prima dell’agguato i rapinatori avevano provveduto a bloccare il traffico sulla strada, costringendo gli automobilisti a consegnare le chiavi delle autovetture. La ricostruzione della vicenda consentiva, quindi, di ipotizzare la presenza di tre gruppi di uomini armati: due tesi a bloccare l’andamento dei mezzi sulle due direzioni di marcia; il terzo interessato a bloccare il furgone blindato.

Sulla strada venivano recuperati 16 bossoli di cartuccia cal. 7,62 esplosi dai kalashnikov, 2 cartucce inesplose di fucile cal.12 a pallettoni e 5 bossoli di cartuccia cal.9. Due giorni dopo, in località ‘Spina Pulci’ di San Nicandro Garganico, venivano rinvenute, nascoste tra la vegetazione, le tre autovetture, una Fiat Stilo e due Audi A4, tutte rubate. Le guardie giurate avevano dichiarato inoltre che i malviventi indossavano dei guanti in lattice di colore blu.

Dopo aver compiuto accertamenti tecnici e rilievi finalizzati ad individuare profili genetici sul materiale sequestrato all’interno, poiché la dinamica della vicenda presentava similitudini con analoghi episodi avvenuti in passato, le indagini si indirizzavano verso alcuni personaggi, compreso Francesco Pio Gentile, sottoposto a prelievo del tampone salivare, dal quale risultava la piena sovrapponibilità tra il suo profilo genetico e quello ottenuto da un paio di guanti in gomma di colore blu, rinvenuto e repertato all’interno di una delle due Audi A4. L’arrestato è stato associato alla Casa Circondariale di Foggia.

      

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento