Ubriaco, sale su un autobus e terrorizza i passeggeri (poi aggredisce i carabinieri con calci e pugni)

E' successo a Viserba (Rimini), in provincia di Rimini. Un 32enne foggiano è stato arrestato dai carabinieri giunti sul posto su segnalazione di un passeggero

Un 32enne della provincia di Foggia è stato arrestato dai carabinieri della stazione di Viserba, a Rimini, con l'accusa di resistenza, violenza e oltraggio a pubblico ufficiale.

Intonro alle 19.15 di ieri, l'uomo, già noto alle forze dell'ordine, mentre si aggirava per strada in stato di alterazione dovuto all'abuso di alcol, è salito sull'autobus della Lnea 4 e una volta sul mezzo pubblico, ha iniziato ad inveire sugli altri passeggeri tanto da obbligare il conducente a fermarsi e chiedere aiuto al 112. 

Sul posto è intervenuta una pattuglia dei carabinieri e, all'arrivo dei militari dell'Arma, il 32enne ha nuovamente dato in escandescenza prima minacciandoli e poi aggredendoli con calci e pugni. 

Bloccato e ammanettato, l'esagitato è stato portato in caserma e sottoposto agli aresti domiciliari fino a lunedì mattina quando è comparso davanti al giudice per la convalida del fermo al termine del quale è stato sottoposto alla stessa misura cautelare in attesa della prossima udienza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: morto 36enne di Cerignola, fatale lo scontro tra auto e camion

  • San Severo come 'Gomorra': la pantera forse fuggita dalla residenza di un boss, si teme fuga verso altri comuni

  • La 'caccia' alla pantera si sposta sul Gargano: avvistamenti, in arrivo altri specialisti (trappole farcite e 'Predator')

  • Marito e moglie di Foggia fermati in stazione dalla Polfer: nel portafogli di lui c'erano due 'chèque' ambigui

  • Scoperto lo stratagemma di un direttore delle Poste del Foggiano: così avrebbe incassato i profitti degli investimenti dei clienti

  • Pierpaolo non ce l'ha fatta, è morto dopo una battaglia contro un tumore al sangue: "Straziante momento per tutti"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento