Cronaca Serracapriola

Ubriaco al bar e con pistola del padre morto: foggiano preso nel Ravennate

Ha preferito avvalersi della facoltà di non rispondere e ha patteggiato un anno e 2.300 euro di multa per poi tornare subito libero. Di Serracapriola il protagonista della vicenda accaduta a Castiglione di Cervia

Il padre era morto sei anni fa, ma lui continuava a custodire la sua pistola.

Oggetto di un normale controllo, un uomo di 58 anni è stato sorpreso con l’arma infilata nel giubbotto ed è stato arrestato. Protagonista della vicenda accaduta a Castiglione di Cervia nel Ravennate, un muratore disoccupato originario di Serracapriola.

Il blitz dei militari è scattato per via di una segnalazione giunta in caserma della presenza nel locale di una persona molesta perché alticcia.

Alla richiesta dei documenti, quando l'uomo ha aperto il giubbotto, si sono accorti dell'arma. Il 58enne - difeso dall'avv. Michele Dell'Edera e con una vecchia contravvenzione alle spalle per la detenzione di un coltello - non ha spiegato la ragione di quella pistola in tasca. Non lo ha fatto nemmeno di fronte al giudice monocratico Roberto Evangelisti: ha preferito avvalersi della facoltà di non rispondere e ha patteggiato un anno e 2.300 euro di multa per poi tornare subito libero.

L'arma - una 7.65 Bernabelli con caricatore inserito ma senza proiettili - su richiesta del Pm di turno Gianluca Chiapponi è stata confiscata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ubriaco al bar e con pistola del padre morto: foggiano preso nel Ravennate

FoggiaToday è in caricamento