Picchia la compagna e la lascia morire nella palazzina abbandonata: arrestato 33enne

Per il fatto, gli agenti della squadra mobile di Foggia hanno arrestato il convivente della donna, il cittadino marocchino di 33 anni, Youssef Bellali

La conferenza stampa

Avrebbe prima aggredito e picchiato la compagna, poi l’avrebbe lasciata morire nello stabile abbandonato di via Miranda, omettendo qualunque tipo di soccorso. E’ questa, secondo gli agenti della squadra mobile della questura di Foggia, la terribile verità dietro la morte di Paola Roma, la 47enne foggiana trovata senza vita la mattina dello scorso 2 novembre, nello scheletro di una delle palazzine abbandonate ex Legge Gozzini, alla periferia della città.

Omicidio Paola Roma: le indagini 

Per il fatto, nel pomeriggio dell’11 agosto, gli agenti della squadra mobile di Foggia hanno eseguito il decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla procura di Foggia, nei confronti di Youssef Bellali, cittadino di nazionalità marocchina, classe 1984, in Italia senza fissa dimora, ritenuto responsabile di omicidio preterintenzionale nei confronti della sua convivente. Le indagini della polizia hanno accertato che la stessa sia morta a seguito di ripetute aggressioni da parte del convivente, il quale successivamente aveva anche omesso di soccorrerla. L'ultima aggressione, quella fatale, 48 ore prima il ritrovamento della donna, che non avrebbe voluto acconsentire al matrimonio che avrebbe garantito all'indagato l'ottenimento del permesso di soggiorno. Sarebbe stato questo rifiuto a scatenare la violenza. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Testimonianze-chiave e risultati dell'autopsia

Determinante, per il buon esito delle indagini, il referto dell’autopsia eseguita sul corpo della vittima, che ha evidenziato numerose “lesioni encefaliche di natura traumatica”, dovute a “multiple azioni contusive non compatibili con una caduta accidentale”, come invece riferito nell’immediatezza del fatto dall’indagato. Un ulteriore contributo alle indagini è giunto dalle autorità marocchine, che hanno provveduto a rintracciare ed ascoltare un loro cittadino, testimone dei fatti, il quale ha fornito dichiarazioni determinanti ai fini della ricostruzione di quanto accaduto quel giorno: Bellali aveva violentemente picchiato la compagna fino a causarne la morte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale sulla A14 nel Foggiano: morto intrappolato tra le fiamme il conducente di un camion

  • Tragedia alle porte di Foggia: violento schianto contro il muro di una villa, muore 50enne di Orsara

  • Tragedia sfiorata in mare: madre e figlio rischiano di annegare, militare si lancia in acqua e li salva

  • Il tuffo in mare, il malore e la morte: annega a Vieste Rossano Cochis, braccio destro di Vallanzasca detto 'Nanu'

  • Incidente sulla Statale 16, scontro frontale tra due auto: cinque feriti

  • Morsa da un rettile mentre è al lavoro nei campi. Corsa in ospedale per una giovane bracciante: "Era sopraffatta dal dolore"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento