menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Trova il suo ex appostato sotto l'ufficio, vittima stremata chiama il 112: l'arresto dopo mesi di minacce e pedinamenti

L'uomo, già destinatario di ammonimento orale del questore, è stato arrestato in flagranza per il reato di atti persecutori. L’arresto è stato convalidato e lo stalker è stato sottoposto agli arresti domiciliari

Fine dell'incubo per una donna foggiana che, dopo mesi di sofferenze e appostamenti sotto l'ufficio da parte del suo ex, ha visto il suo stalker assicurato alla giustizia.

Accade a Foggia, dove la donna è stata perseguitata per mesi dal suo ex, con ripetuti pedinamenti, telefonate, messaggi (anche tramite social network) e minacce. Il sentimento morboso dell’uomo, con il passare del tempo, era diventato sempre più insistente e intimidatorio al punto che la vittima era letteralmente terrorizzata dalle condotte sempre più pressanti e moleste.

Tanto da ricorrere alle forze dell'ordine, alle quali ha denunciato l'intera storia. Lo stalker, già destinatario di ammonimento orale del questore di Foggia, ha però continuato nelle sue condotte persecutorie: che alla richiesta d’aiuto al 112, le gazzelle del pronto intervento hanno rintracciato e bloccato lo stalker appostato sotto l’ufficio della vittima.

I carabinieri della sezione radiomobile, d'intesa con il magistrato di turno, hanno quindi arrestato l'uomo in flagranza per il reato di atti persecutori. L’arresto è stato convalidato dal giudice del tribunale di Foggia e lo stalker è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

"Le stazioni carabinieri accolgono tutte le vittime di reati del 'codice rosso' e sono in stretto contatto con i centri antiviolenza della provincia dove le donne possono trovare dei punti di ascolto che garantiscono la riservatezza e l’anonimato, l’avvicinamento graduale ai servizi di sostegno, il supporto psicologico e, in alcuni casi, il collocamento presso strutture protette", spiegano dal Comando provinciale dei carabinieri di Foggia. "In caso di violenza sotto forme forma di abuso psicologico, fisico è importante rompere l’isolamento e trovare il coraggio di parlare con qualcuno di ciò che avviene fra le mura domestiche".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lopalco: "Puglia zona gialla non è liberi tutti"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento