Spacca il naso a un ragazzino per rubargli la mini-car, poi torna e pretende un 'regalino' per la restituzione: arrestato

Scatta l'arresto per un giovane sorvegliato speciale di Foggia, arrestato dalla polizia per cinque diverse fattispecie di reato: rapina, violazione della sorveglianza speciale, lesioni, tentata estorsione e danneggiamento

Immagine di repertorio

Sferra un pugno sul naso di un ragazzo (ancora minorenne) e gli porta via la mini-car. Poi gli chiede un ‘regalino’ per il recupero del mezzo.

Così, un sorvegliato speciale di Foggia ha rimediato un arresto per cinque diverse fattispecie di reato (rapina, violazione degli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale, lesioni, tentata estorsione e danneggiamento a danno di un minorenne). 

L’arresto è stato eseguito dalla polizia, a carico di un sorvegliato speciale con obbligo di dimora nel capoluogo dauno, su richiesta della procura di Foggia; l’indagine ha preso avvio con l’intervento della squadra volante, del 10 giugno scorso, quando gli agenti hanno raccolto, nell’immediatezza dei fatti, le dichiarazioni della giovane vittima, che riferiva di aver subito una rapina da parte di un ragazzo che gli aveva sottratto la mini-car dopo avergli sferrato un pugno al naso, provocandoli la rottura del setto nasale.

Subito dopo, il minorenne, che ritrovava il veicolo nelle strade limitrofe a quella della rapina, è stato avvicinato nuovamente dall’aggressore, il quale gli chiedeva un ‘regalino’ per poter tornare in possesso del suo veicolo. Il ragazzo, tuttavia, non ha ceduto alla richiesta estorsiva e ha raggiunto il pronto soccorso per farsi curare, chiedendo l’intervento della polizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da lì è partita un’attività investigativa che in pochi giorni ha consentito agli investigatori di ricostruire il gravissimo episodio, determinando la procura a richiedere ed ottenere dal gip l’emissione della misura della custodia cautelare in carcere per il presunto autore dei reati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Regionali Puglia: i risultati in diretta

  • Attimi di paura in via Monfalcone: aggrediti agenti della Locale, per aver chiesto di abbassare il volume della musica

  • Foggia fa il botto di consiglieri regionali: ecco i nomi dei 'Magnifici 10' che rappresenteranno la Capitanata in Puglia

  • Chi potrebbe andare a Bari: ok Piemontese e Tutolo. Incertezza nel centrodestra, in bilico anche Rosa Barone

  • Foggia, furto choc nella sede elettorale della Parisi-De Sanctis: rubata pistola a finanziere, forse è stato narcotizzato

  • Regionali Puglia 20 - 21 settembre: come si vota

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento