menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Tenta di estorcere 50 euro a un barista per giocare ai videopoker, al suo rifiuto esce e rapina bar in piazza Aldo Moro

Il giovane foggiano, soggetto ludopatico, è stato individuato dai carabinieri e arrestato su ordine di carcerazione: dovrà espiar una pena di 3 anni per il reato di rapina e tentata estorsione

Tenta di estorcere 50 euro ad un barista in zona San Michele per tentare la fortuna ai videopoker; al rifiuto di quest'ultimo, esce e mette a segno una rapina in corso Aldo Moro, sempre in danno di un bar.

Ma l’uomo, 31enne foggiano, soggetto ludopatico, è stato individuato dai carabinieri e arrestato.

In particolare, i militari della Compagnia di Foggia hanno eseguito un ordine di carcerazione per espiazione della pena di 3 anni nei confronti di un 31enne originario del capoluogo dauno, condannato per il reato di rapina e tentata estorsione. Il provvedimento trae origine da una rapina perpetrata il 30 luglio 2019, presso il Bar ‘Farano’ di Piazza Aldo Moro, da un uomo travisato da passamontagna ed armato di pistola che, dopo essersi fatto consegnare l’incasso, si dileguava in zona Borgo Croci.

Le gazzelle del 112 intervenute, grazie ad una tempestiva raccolta delle testimonianze e all’acquisizione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza presenti nell’area, sono riuscite a risalire all’autore del reato, recuperando il registratore di cassa ed il passamontagna, nonché a raccogliere incontrovertibili elementi di prova a suo carico.

L’attività investigativa ha poi consentito di accertare anche che l’indagato, un soggetto ludopatico, nella stessa mattinata - si era reso autore di un tentativo di estorsione perpetrato ai danni di un bar della zona ‘San Michele’ dove lo stesso aveva minacciato il titolare con un’arma, al fine di farsi consegnare 50,00 € da rigiocare ai videopoker presenti all’interno della suddetta attività.

L’uomo, al termine del processo celebratosi presso il Tribunale di Foggia, è stato condannato alla pena di 3 anni di reclusione ed al pagamento di 800 € di multa, misura immediatamente eseguita dai Carabinieri della Compagnia di Foggia che hanno provveduto al suo arresto ed alla sua traduzione presso la locale Casa Circondariale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La strega comanda color color...rosso!

Attualità

Il Governo reintroduce la zona gialla e riapre le attività all'aperto. Il premier Draghi: "Rischio ragionato su dati in miglioramento"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento