Rocambolesco inseguimento tra le vie di Foggia: fermato "soggetto pericoloso", aveva svaligiato negozio

Si tratta di Lorenzo Valente, 44enne di Foggia, autore, insieme ad almeno un’altra persona, del furto avvenuto nella notte tra il 1 e il 2 ottobre in un negozio di abbigliamento a Vasto

I capi d'abbigliamento rubati a Vasto

Svaligia negozio di abbigliamento in trasferta ma viene intercettato al rientro in città dalle Volanti di Foggia, che hanno proceduto al fermo di indiziato di delitto di Lorenzo Valente, 44enne del capoluogo dauno ritenuto responsabile dei reati di furto, ricettazione, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. L’uomo è stato tradotto presso la casa circondariale di via delle Casermette a disposizione del Pubblico Ministero.

L’inseguimento tra le vie di Foggia

Durante il servizio di controllo del territorio, in via Troia, all’altezza dell’incrocio con l’intersezione per via Napoli, gli agenti hanno notato una Golf di colore blu che precedeva un Fiorino di colore bianco, percorrere ad alta velocità sulla Statale 673 (ex Statale 16), in direzione via Cerignola; insospettiti, hanno deciso di controllarlo ma, alla vista dell’auto della Polizia, i due mezzi hanno svoltato velocemente verso Tratturo Camporeale in direzione del centro città aumentando ulteriormente l’andatura.

Immediatamente ne è scaturito un inseguimento. La Golf Blu ha fatto perdere subito le proprie tracce, mentre l’equipaggio ha continuato ad inseguire il Fiorino tra via Silvio Pellico, via Benedetto Croce, via Giustino Fortunato e viale Ofanto, anche con l’ausilio di un altro equipaggio della Squadra Volanti, immediatamente intervenuto. Proprio in viale Ofanto, un’auto della polizia, nel tentativo di bloccare il Fiorino, è stato speronato. Per via dell’incidente gli agenti hanno riportato lievi lesioni guaribili in alcuni giorni. Il furgone è stato bloccato definitivamente dopo l’ulteriore inseguimento avvenuto da via De Amicis a via Borrelli.

Il fermo del 44enne già noto alle forze dell’ordine

A quel punto due uomini hanno abbandonato il mezzo e sono fuggiti a piedi: uno in direzione di via Fania e l’altro della vicina via Caldara. Gli agenti, scesi dall’autovettura di servizio, hanno rincorso e bloccato subito dopo  il Valente, mentre l’altro individuo è riuscito a dileguarsi. Accompagnato in Questura, da accertamenti è emerso che il Fiorino era stato rubato a Vasto e messo in moto con una chiave adulterina; all’interno del vano portabagagli è stata trovata una enorme quantità di capi di abbigliamento e scarpe ancora imballati e pronti alla vendita, risultati asportati da un negozio di abbigliamento e calzature di Vasto in via Alessandrini. Il mezzo, quindi, è stato utilizzato per asportare la merce trafugata dall’attività commerciale.

L’ammontare del furto

Attraverso contatti con le Forze di Polizia di Vasto, è stato rintracciato il proprietario del negozio che non si era ancora accorto del furto, avvenuto la notte stessa con accesso ai pertinenti locali del negozio adibiti a magazzino. Si tratta di 481 capi di abbigliamento uomo/donna e  sei di scarpe di note marche per un valore complessivo di circa 50mila euro

La determinazione degli agenti delle Volanti di Foggia

Encomiabili l’intuito, l’attenzione e la determinazione degli uomini della Squadra Volanti della Questura, che  non hanno esitato a proseguire la complicata attività, fino alla cattura del malvivente, nonostante le lesioni riportate, consentendo di assicurare ancora una volta alla giustizia un soggetto pericoloso, pluripregiudicato, con numerosi precedenti specifici, ben noto alle forze dell’ordine e già arrestato due volte dalla Squadra Volanti per lo stesso tipo di reati. Preziosa e fondamentale l’attività di prevenzione e di controllo del territorio, portata avanti di giorno e di notte dagli  uomini della Polizia di Stato a  tutela della serenità dei cittadini.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Ha una crisi e distrugge casa, sedato e portato in ospedale muore poco dopo: è giallo sulle cause del decesso

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

Torna su
FoggiaToday è in caricamento