Tre perquisizioni incastrano foggiano: non solo droga, ma anche reperti archeologici

Tre le perquisizioni dei ‘Falchi’: in casa, nell’azienda agricola di proprietà e nell’abitazione del padre deceduto. L’arrestato è un 51enne di Foggia

Uno dei reperti archeologici di valore sequestrati

I Falchi di Foggia hanno arrestato Giovanni Cifaldi, foggiano classe 1966, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. L’uomo veniva anche denunciato per ricettazione di reperti di interesse artistico, storico ed archeologico.

Le tre perquisizioni da parte dei Falchi

Durante la perquisizione eseguita ieri mattina dagli agenti di polizia, all’interno di un mobile posto nel vano soggiorno, sono stati trovati 170 grammi di marijuana, cinque di hashish, una bilancia elettrica ed un coltello a serramanico intrisi di droga. I poliziotti hanno poi eseguito un’altra perquisizione nell’appartamento del padre di Cifaldi, deceduto, dove hanno trovato una pistola, un fucile e 13 cartucce calibro 12 regolarmente detenute dal genitore, ma che comunque venivano ritirate cautelativamente. A quel punto gli uomini della polizia di stato hanno proceduto alla perquisizione dell’azienda agricola di proprietà dell’arrestato dalla quale era stato visto uscire prima dei controlli. All’interno della rimessa c’erano 2,5 kg di marijuana (piccoli arbusti in essiccazione sospesi su di una corda) e 800 grammi della stessa sostanza in foglie verdi rinvenuta in un angolo del locale Nello stesso vano venivano rinvenute 13 olle, verosimilmente di valore, sottoposte ad una prima valutazione della Soprintendenza Archeologica di Foggia e opportunamente sequestrate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Cifaldi, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale del capoluogo dauno, veniva sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione in attesa del processo per direttissima

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento