Lavoravano in nero in un ristorante, uno si spacciava per un altro: arrestato

Un cittadino marocchino è stato arrestato dai Carabinieri durante un'attività ispettiva in materia di lavoro. L'uomo aveva utilizzato la documentazione di un suo connazionale regolare

Lavorava usando i documenti di un connazionale. È finito in manette un cittadino marocchino, arrestato dai Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro insieme al personale di Foggia Porta San Severo, nell’ambito di un’attività ispettiva in materia di lavoro. L’uomo è stato individuato in un ristorante etnico di Foggia e, interrogato sulla sua identità, faceva dichiarazioni false ai militari.

Dalle successive verifiche, si è accertato che l’uomo aveva fornito al titolare del ristorante una documentazione di un connazionale, regolare sul territorio italiano, per poter essere assunto.

Il cittadino straniero è stato arrestato e condotto presso il carcere di Foggia. Al termine dei controlli i militari hanno individuato la presenza all’interno del ristorante di un lavoratore in “nero”, comminando una sanzione amministrativa al ristoratore di 3mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Saturimetro: cos'è e quali sono i modelli migliori in commercio

Torna su
FoggiaToday è in caricamento