Lavoravano in nero in un ristorante, uno si spacciava per un altro: arrestato

Un cittadino marocchino è stato arrestato dai Carabinieri durante un'attività ispettiva in materia di lavoro. L'uomo aveva utilizzato la documentazione di un suo connazionale regolare

Lavorava usando i documenti di un connazionale. È finito in manette un cittadino marocchino, arrestato dai Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro insieme al personale di Foggia Porta San Severo, nell’ambito di un’attività ispettiva in materia di lavoro. L’uomo è stato individuato in un ristorante etnico di Foggia e, interrogato sulla sua identità, faceva dichiarazioni false ai militari.

Dalle successive verifiche, si è accertato che l’uomo aveva fornito al titolare del ristorante una documentazione di un connazionale, regolare sul territorio italiano, per poter essere assunto.

Il cittadino straniero è stato arrestato e condotto presso il carcere di Foggia. Al termine dei controlli i militari hanno individuato la presenza all’interno del ristorante di un lavoratore in “nero”, comminando una sanzione amministrativa al ristoratore di 3mila euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Terribile incidente mortale nel Foggiano: perde la vita una donna, quattro i feriti

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

  • ULTIMA ORA | Torna a casa Francesco Pio Virgilio, il 15enne era scomparso da quasi 48 ore

Torna su
FoggiaToday è in caricamento