Bombarolo in bicicletta, ordigni a ristorante e a 'Il sorriso di Stefano'. Fermato 32enne ma è caccia al mandante

Si tratta di un 32enne di origini albanesi, fermato (in attesa di convalida) dalla polizia su disposizione della Dda di Bari. L’uomo è accusato di danneggiamento, detenzione e porto illegale di materiale esplodente con la pesante aggravante del metodo mafioso

E’ accusato di essere l’esecutore materiale di due gravi intimidazioni, due attentati dinamitardi messi a segno rispettivamente in danno del ristorante-friggitoria ‘Poseidon’ di via Ciancarella, e del centro diurno per anziani ‘Il Sorriso di Stefano’, di via Acquaviva.

Si tratta di un uomo di 32 anni, di origini albanesi, fermato (in attesa di convalida) dagli agenti della squadra mobile di Foggia e dello Sco, su disposizione della Dda di Bari. L’uomo, nello specifico, è accusato di danneggiamento, detenzione e porto illegale di materiale esplodente con la pesante aggravante del metodo mafioso. In entrambi i casi, l’uomo agì solo, giungendo sul posto in sella ad una bicicletta, come testimoniato dalle telecamere presenti nelle zone colpite.

Bomba al ristorante 'Poseidon': le immagini video

Il primo attentato risale alla notte tra l’11 e il 12 novembre 2019. La deflagrazione fu potentissima e, oltre a devastare ingresso ed interni del ristorante-friggitoria, danneggiò anche i vetri delle finestre delle abitazioni vicine. Un residente della zona, a causa dello spavento, ebbe un malore e dovette fare ricorso alle cure del 118.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il secondo episodio, invece, risale al 16 gennaio di quest’anno e si inserisce nella scia di intimidazioni subite dai fratelli Cristian e Luca Vigilante e dal gruppo 'Sanità Più': la bomba al centro ‘Il Sorriso di Stefano’, infatti, seguì di pochi giorni il grave attentato avvenuto la sera del 3 gennaio quando, in via D’Aragona, qualcuno piazzò un potente ordigno sotto il suv di Cristian (direttore del personale della struttura). Il 1° aprile, infine, un’altra bomba è stata fatta esplodere in via Acquaviva, sempre in danno del centro gestito dalla società dei Vigilante. Le indagini proseguono per risalire al movente (e quindi al mandante) degli attentati.

VIDEO - Bombarolo con la mascherina fa saltare in aria 'Il Sorriso di Stefano': le immagini dell'esplosione

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scandalo a luci rosse nella Caritas di Foggia. Sacerdote filmato durante atti sessuali e minacciato, nei guai due persone

  • Attimi di paura in via Monfalcone: aggrediti agenti della Locale, per aver chiesto di abbassare il volume della musica

  • Foggia fa il botto di consiglieri regionali: ecco i nomi dei 'Magnifici 10' che rappresenteranno la Capitanata in Puglia

  • Tragedia sulle strade del Gargano: morto motociclista di 31 anni, impatto fatale con un'auto

  • Chi potrebbe andare a Bari: ok Piemontese e Tutolo. Incertezza nel centrodestra, in bilico anche Rosa Barone

  • Elicottero sorvola Foggia: raffica di perquisizioni, forze dell'ordine a caccia di armi e droga

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento