Aggressione a Palazzo di Città, convalidato l’arresto del 35enne. Landella: “Una buona notizia”

Convalidato l’arresto dell’aggressore della funzionaria dell’Ufficio Anagrafe del Comune di Foggia e di due agenti appartenenti al Corpo di Polizia Locale

Franco Landella

Si è tenuto nella mattinata di ieri il procedimento per direttissima a carico del foggiano di 35 anni arrestato dalla Polizia Locale di Foggia, in quanto autore della brutale aggressione perpetrata mercoledì scorso nei confronti di una funzionaria dell’Ufficio Anagrafe del Comune di Foggia e di due agenti appartenenti al Corpo, prontamente intervenuti in sua difesa. Oltre alla convalida dell’arresto, all’aggressore è stata confermata la misura restrittiva degli arresti domiciliari fino alla celebrazione del dibattimento. Lo stesso dovrà rispondere di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale. 

“Si tratta di una buona notizia. L’auspicio è che l’esito del processo valga a riaffermare il principio fondamentale di ogni ordinamento democratico: il doveroso rispetto nei confronti delle funzioni esercitate dai dipendenti delle pubbliche amministrazioni, in base al quale non può essere concesso a nessuno di interferire e turbare, a maggior ragione usando intollerabili forme di violenza, il regolare esercizio dei pubblici poteri, in quanto rivolti al corretto funzionamento della struttura amministrativa per il soddisfacimento delle esigenze dei cittadini. Anche per questo confermiamo la decisa volontà del Comune di Foggia di costituirsi parte civile nel processo penale a carico dell’aggressore”.

Aggiunge l’assessore comunale con delega alla Polizia Municipale, Claudio Amorese: “L’Amministrazione comunale esprime anche in questa circostanza la sua vicinanza alla dipendente dell’Ufficio Anagrafe ed ai due agenti del Corpo della Polizia Locale aggrediti. Una vicinanza reale e non retorica. Continueremo ad impegnarci affinché il personale dell’Amministrazione comunale che svolge funzioni a contatto con il pubblico sia tutelato in modo sempre migliore e per affermare il principio di legalità in ogni sia forma ed in ogni circostanza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento