menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Questura di Foggia

Questura di Foggia

Occupavano case abusive in via Cerignola, un arresto per estorsione

Un romeno 38enne ha cercato di estorcere denaro ad un altro connazionale, minacciandolo che se non avesse pagato non gli avrebbe permesso di continuare ad abitare. Sequestrati cavi elettrici, sgomberati abusivi

Estorsione in concorso, ingiurie, minaccia e furto aggravato di energia elettrica. Per questa serie di motivi la sezione volanti ha tratto in arresto un cittadino romeno classe 1973.

Il 26 mattina presso la sala operativa della questura è giunta una segnalazione di rissa in atto. Intervenuta prontamente sul posto la volante accertava che in realtà si era trattato di una semplice discussione tra alcuni nomadi che occupavano strutture abusive sotto il cavalcavia di via Cerignola.

L’arrestato aveva cercato di estorcere denaro ad un altro connazionale 44enne e alla sua famiglia, minacciandoli che se non avesse ricevuto i soldi non avrebbe permesso loro di rimanere nel perimetro delle suddette strutture abitative.

Effettuato un controllo in zona si accertava che le baracche erano collegate abusivamente alla linea elettrica della pubblica illuminazione. A questo punto O.A. ammetteva di essere stato l’autore materiale dell’allaccio abusivo e che 5 giorni prima era stato denunciato in questura insieme ad altri suoi connazionali.

Durante il sopralluogo gli agenti di polizia hanno sequestrato 22 kg di cava elettrici e chiesto l’intervento sul posto del responsabile dell’illuminazione pubblica e dei Vigili Urbani per intimare agli abusivi lo sgombero immediato del luogo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento