menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Hashish e cocaina nello sportello della stufa: carabinieri incastrano (e arrestano) giovane idraulico

L’arresto è il frutto di numerosi servizi di osservazione, controllo e pedinamento svolti nell’ambito di una più ampia strategia di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti nella cittadina garganica

Nascondeva stupefacente all’interno di una stufa: arrestato 31enne a San Giovanni Rotondo. Alle prime luci dell’alba dello scorso 23 maggio, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di San Giovanni Rotondo hanno tratto in arresto, in flagranza di reato un 31enne, idraulico, incensurato, originario di San Marco in Lamis, ma residente da tempo a San Giovanni Rotondo, resosi responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’arresto è il frutto di numerosi servizi di osservazione, controllo e pedinamento svolti nell’ambito di una più ampia strategia di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti nella cittadina garganica: in particolare, a seguito di svariate segnalazioni della cittadinanza, stanca dell’incessante “andirivieni” di persone in quell’area a tutte le ore del giorno, i militari hanno deciso di vederci chiaro, procedendo all’identificavano del giovane, in prossimità della sua abitazione.

Quest’ultimo appariva fin da subito agitato e nervoso, motivo per cui i carabinieri hanno eseguito nei suoi confronti una perquisizione personale e domiciliare, al termine della quale si rinvenivano circa 50 grammi di cocaina e due grammi di hashish, ben occultati all’interno dello sportello di una stufa, pronta per essere distrutta: solo la prontezza dei militari ha evitato che ciò accadesse. Lo stupefacente è stato sottoposto a sequestro penale ed analizzato dal Laboratorio Analisi del Comando Provinciale Carabinieri di Foggia per verificarne il principio attivo e la qualità. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato condotto presso il carcere di Foggia ed a seguito dell’udienza di convalida, è stato sottoposto alla misura  cautelare dell’Obbligo di Firma alla Polizia Giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Compro 3mila dosi del vaccino Sputnik con la mia indennità"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento