Bloccato al muro e con un coltello puntato contro: rapina shock in stazione, arrestata 35enne rom

E' successo lo scorso 20 ottobre, nel sottopassaggio della stazione di Barletta. La polizia ferroviaria ha arrestato una 35enne rom domiciliata in un campo nomadi di Foggia, mentre è alla ricerca dei due complici

Immagine di repertorio

Bloccato nel sottopassaggio della stazione ferroviaria, con un coltello puntato addosso, mentre una donna lo "perquisiva" nel tentativo di sfilargli fede, borsello e altri preziosi. Solo la promessa di denaro ha evitato il peggio: è, in breve, la brutta rapina subito in pieno giorno, poco dopo le 12, lo scorso sabato, all'interno della stazione ferroviaria di Barletta.

A denunciare l'accaduto alla Polizia Ferroviaria è stato proprio la vittima: mentre era intento ad attraversare il sottopasso di stazione per raggiungere il binario di partenza del treno diretto a Canosa - ha raccontato l'uomo - è stato bloccato da  due uomini ed una donna, tutti di etnia rom. Mentre uno degli uomini lo teneva fermo al muro, l’altro estraeva dalla tasca del pantalone un coltello a scatto e, puntandoglielo contro, gli intimava di consegnare il denaro ed i preziosi che aveva con sé. La donna, invece, tentava di sfilargli la fede, l’orecchino e il marsupio, senza riuscirci per la ferma opposizione della vittima.

L'uomo è riuscito a convincere i tre a lasciarlo stare, promettendogli del denaro; infatti, consegnava alla donna 60 euro, cosa che faceva desistere i tre dal proseguire l’azione criminale: presi i soldi, si sono dileguati. Gli agenti, appresa la notizia, si sono messi  immediatamente alla ricerca dei malfattori e, poco dopo, hanno individuato la donna al marciapiede del secondo binario di stazione, dove era in arrivo un regionale per Foggia. La stessa è stata riconosciuta dalla vittima, senza ombra di dubbio, come uno dei tre che lo avevano poco prima rapinato. Condotta negli uffici della Polizia Ferroviaria, la donna è stata identificata per una cittadina romena di 35 anni, domiciliata presso un  campo nomadi in agro di Foggia, pregiudicata per reati contro la persona ed il patrimonio.

Nel corso della perquisizione personale, sono stati recuperati un telefono cellulare e 22 euro che sono stati sottoposti a sequestro. Al termine dell’attività, la donna è stata dichiarata in arresto per rapina aggravata, in concorso con altri soggetti da identificare, e ristretta presso la Casa Circondariale di Trani, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Sono in corso attive indagini da parte della Polizia Ferroviaria di Barletta e della Squadra di P.G. Compartimentale per l’individuazione degli altri componenti del gruppo criminale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento