menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stornara, truffa all’Inps: ai domiciliari consulente del lavoro 64enne

Avrebbe creato posizioni contributive in favore di 198 lavoratori che hanno presentato domande di disoccupazione non agricola, corredate dal falsi Cud e falsi attestati di servizio rilasciate da ignare aziende

Il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Foggia, operante presso la locale Direzione Provinciale del Lavoro, nell'ambito di una complessa indagine, coordinata dalla locale Procura, ha eseguito un’ordinanza personale agli arresti domiciliari ed ha proceduto al sequestro preventivo di beni immobili a carico di un consulente del lavoro di Stornara per una truffa ai danni dell'INPS.

La truffa si basava sull’invio, da parte del consulente del Lavoro, di denunce telematiche mensili Emens in capo a quattro ignare aziende, creando posizioni contributive per gli anni 2009-2010 in favore di 198 lavoratori che successivamente hanno presentato all’INPS di Foggia domande per ottenere l’indennità di disoccupazione NON agricola. Domande corredate da falsi CUD riferiti all’anno 2009 e falsi attestati di servizio apparentemente rilasciati dalle “ignare” aziende, inducendo in errore i funzionari dell’INPS.  

Sono risultati certificati 198 falsi rapporti di lavoro. L’Inps, prontamente intervenuta con la segnalazione delle anomalie alla competente Autorità Giudiziaria, ha provveduto a bloccare, nella quasi totalità, la erogazione della disoccupazione NON agricola; infatti risultano essere state pagate solo prestazioni previdenziali e assistenziali pari a euro 47.500,00 circa, in favore di 14 falsi lavoratori. Il destinatario della misura cautelare e del sequestro preventivo della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia è tale P.G. di anni 64, consulente del lavoro di Stornara.

L’attività del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Foggia, quindi, continua sul territorio quella attività di indagine e di repressione di reati finalizzati alle truffe in  danno degli Istituti assicuratori, che danneggiano  l’economia dello Stato e i diritti dei lavoratori onesti. Il buon esito delle indagini è stato dovuto anche alla fattiva collaborazione della Direzione Provinciale dell’INPS di Foggia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento