Armi, munizioni e kg di 'maria': arrestati zio e nipote

In particolare, il 55enne è stato arrestato per detenzione abusiva di arma da fuoco, ricettazione e detenzione di marijuana finalizzata allo spaccio, mentre il nipote di 29 anni è ai domiciliari per la detenzione di stupefacente

Uno nascondeva armi, l’altro droga. E’ quanto scoperto dai carabinieri nelle disponibilità di Vittorio Seccia, cerignolano di 55 anni, e del nipote omonimo, di 29 anni. In particolare, il 55enne è stato arrestato per detenzione abusiva di arma da fuoco, ricettazione e detenzione di marijuana finalizzata allo spaccio. All’interno della sua abitazione, i militari hanno recuperato una canna facente parte di un fucile a canne mozze risultato essere oggetto di furto perpetrato a Canosa di Puglia nel luglio del 2015, oltre a vario munizionamento, sia calibro 12 che 7,65.

Estesa la perquisizione anche presso un capannone di proprietà ed in uso esclusivo dell’arrestato, i militari hanno recuperato anche 286 piante di marijuana messe ad essiccare, oltre a circa 2,5 kg della stessa sostanza già pronta per lo spaccio. In casa del nipote, il giovane Vittorio Seccia, classe 1987, invece, i militari hanno sequestrato circa 70 grammi di marijuana già confezionata per lo spaccio. Il 29enne è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di marijuana e sottoposto ai domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Checco Zalone ospite da Fiorello, cita Foggia e divide: "Delinquenza e povertà, ma almeno c'è il bidet"

  • Commando paramilitare assalta furgone portavalori sulla Statale 16 bis: dna incastra uno dei rapinatori

  • Corsa contro il tempo per Domenico, il 37enne e padre di due bambini colpito da una rara malattia: "Aiutateci a salvarlo"

  • "La mia ex mi ha tolto dignità e figli": la storia di Luigi, padre separato finito sul lastrico. "Mi sono rivolto alla Caritas"

  • Ultim'ora | Operazione 'Nettuno', 4 arresti nella Capitaneria di Porto di Manfredonia

  • 400 ulivi tagliati 'con le mani', amaro risveglio nei campi di Stornarella. La vittima: "Buon miserabile Natale anche a voi!"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento