Cronaca

Polizia irrompe in una casa di campagna: sotto ai cuscini del divano il proprietario nascondeva un piccolo arsenale

Accade a Cerignola, deve gli agenti del commissariato ofantino hanno arrestato un 61enne del posto, già destinatario, nel 2014, di provvedimento di divieto di detenzione di armi, munizioni e materie esplodenti. L'uomo è ai domiciliari

Le armi e munizioni sequestrate

Un arsenale nascosto sotto il divano. E' quanto scoperto e sequestrato dalla polizia, a carico di un 61enne di Cerignola, arrestato per detenzione illegale di armi comuni da sparo e relative munizioni.

La scoperta è avvenuta lo scorso mercoledì mattina, nell'ambito di una perquisizione domiciliare effettuata dagli agenti del commissariato ofantino. Nell'ambito delle attività, i poliziotti hanno perquisito anche un’abitazione di campagna di proprietà dell'uomo, pregiudicato e già destinatario, nel 2014, di provvedimento di divieto di detenzione di armi, munizioni e materie esplodenti.

L'intuizione degli agenti ha avuto esito positivo: nella cucina, occultata sotto i cuscini di un divano e di una poltrona sono stati recuperati un fucile doppietta cal.12, una pistola semiautomatica cal. 7.65 con 8 cartucce con due caricatori di riserva ed una pistola semiautomatica cal.6.35 con una cartuccia inserita in canna.

l fucile e la prima delle pistole erano state regolarmente denunciate dal suocero (defunto) dell'uomo,  ma erano detenute in luogo diverso da quello in cui sono state rinvenute; mentre l’altra pistola non risultava censita nella banca dati delle forze di polizia, né era da ricercare. Pertanto, il 61enne è stato arrestato e accompagnato in carcere. 

Tutte le armi sono state poste sotto sequestro. L’autorità giudiziaria, nella giornata di sabato scorso, ha convalidato l’arresto e disposto nei suoi confronti la misura cautelare degli arresti domiciliari. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia irrompe in una casa di campagna: sotto ai cuscini del divano il proprietario nascondeva un piccolo arsenale

FoggiaToday è in caricamento