rotate-mobile
Cronaca

Violenza al Cara: aggredito addetto mensa, irregolare lo colpisce in testa con una bottiglia

Ad allertare polizia e carabinieri sono stati gli addetti alla vigilanza. Bakary Secka ha rischiato di essere linciato

Nel primo pomeriggio di ieri gli agenti della polizia di stato appartenenti alla locale Squadra Mobile, unitamente ai Carabinieri, hanno tratto in arresto Bakary Secka, cittadino extracomunitario classe 1984, resosi responsabile di minacce e lesioni personali aggravate.

Alle 13.15 circa, le forze dell’ordine, allertati dagli addetti alla vigilanza, si sono recati presso la mensa del C.A.R.A. di Borgo Mezzanone a seguito del ferimento da parte di un cittadino extracomunitario, irregolarmente presente all’interno della predetta struttura, ai danni di un addetto alla somministrazione dei pasti, colpito con violenza alla testa con una bottiglia di vetro.

Il ferito, con prognosi di 25 giorni, è stato condotto presso il Pronto Soccorso dell’ospedale di Cerignola per le cure necessarie. Il Secka, con precedenti specifici, che si era poi dato alla fuga, è stato individuato e tratto in arresto da parte degli Agenti della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri, i quali lo hanno sottratto al tentativo di linciaggio da parte di alcuni suoi connazionali. Trasportato presso i locali della Questura, e successivamente presso la casa circondariale di Foggia, è attualmente a disposizione della Procura della Repubblica competente.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza al Cara: aggredito addetto mensa, irregolare lo colpisce in testa con una bottiglia

FoggiaToday è in caricamento