"Gestiva" 11 braccianti per la raccolta degli asparagi: 5 euro per ogni passaggio, arrestato caporale

Arrestato un gambiano di 53 anni, per il reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. L'attività nell'ambito dei servizi anti-caporalato

Il furgone utilizzato dal caporale

Ogni mattina, con il suo furgone, accompagnava numerosi braccianti agricoli sui campi. Così, un gambiano di 53 anni, in possesso di permesso di soggiorno in attesa di rinnovo per lavoro subordinato, è stato arrestato dalla polizia per il reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. In altre parole, caporalato.

E' quanto scoperto lo scorso 10 ottobre, nell’ambito di un mirato servizio anti-caporalato quando gli agenti della Squadra Mobile di Foggia e del Commissariato di San Severo, con la collaborazione del NIL Carabinieri,  hanno tratto in arresto Alieu Secka, nato in Gambia. Attraverso pregressi servizi di osservazione, gli agenti avevano accertato che l'uomo ogni giorno conduceva numerosi braccianti agricoli di etnia africana presso varie aree agricole dislocate tanto sulla zona di Foggia e tanto sulle zone dell’alto Tavoliere.

In un'area agricola in agro di San Severo, la polizia ha bloccato un furgone in pessime condizioni, alla cui guida vi era Secka che trasportava 11 braccianti agricoli che, dalle  06 del mattino avevano svolto attività lavorativa nei campi, provvedendo in particolare alla raccolta degli asparagi. Tutti i braccianti sono stati portati in questura per essere ascoltati: le dichiarazioni acquisite hanno fornito ulteriori spunti investigativi circa il ruolo di “caporale“ svolto dal Secka. La paga prevista era di 4 euro ad ora ed i braccianti per ogni trasporto giornaliero sul luogo di lavoro si vedevano costretti a versare 5 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Retribuzioni che risultavano pertanto totalmente difformi  dai contratti collettivi nazionali. Oltre ad una palese violazione della normativa relativa all’orario di lavoro, si è altresì acclarato la sussistenza di violazioni  delle norme in materia di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro. Contestualmente sono state effettuate alcune perquisizioni presso l’azienda agricola proprietaria del terreno ove i braccianti avevano terminato di lavorare. Tale arresto si inserisce in una continua ed incessante attività di contrasto del caporalato su tutta la provincia di Foggia, avviata oramai da tempo d’intesa con la Procura della Repubblica di Foggia.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento