Cronaca Manfredonia

Rubava energia con la tecnica del 'super magnete': arrestato barista di Manfredonia

Ad una prima stima, il volume di corrente non rilevata è pari al 65%. Questo vuol dire che, dall'inizio del 2014, il furto di energia perpetrato può essere quantificato in 12.000 euro

Con la tecnica del super-magnete riusciva a falsare i volumi del consumo di energia elettrica del suo bar. Una tecnica rodata e pericolosa perché, oltre a manomettere i volumi del consumo di corrente, influisce anche sulla portata di kilowatt sopportati dal contatore, rischiando di sovraccaricarlo.

E’ quanto scoperto dai carabinieri di Manfredonia che, per il fatto, hanno arrestato un 30enne sipontino, titolare di un bar del centro. L’uomo dovrà rispondere del furto di energia elettrica. A seguito di specifici controlli – attività avviata in collaborazione con l’azienda erogatrice di energia elettrica - i militari hanno effettuato un controllo presso un bar del centro, gestito da un trentenne del posto.

Dopo un primo sopralluogo, gli stessi hanno accertati la presenza di un super-magnete posizionato sul contatore dell’Enel per alterare la misurazione dell’energia elettrica consumata. Ad una prima stima, il volume di corrente non rilevata è pari al 65%. Questo vuol dire che, dall’inizio dell’anno 2014, il furto di energia perpetrato può essere quantificato in circa 12.000 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubava energia con la tecnica del 'super magnete': arrestato barista di Manfredonia

FoggiaToday è in caricamento