Coltivava 480 piante di marijuana, fermato business da 270mila euro: arrestato 30enne

I carabinieri hanno scoperto la piantagione di marijuana all’interno di un capannone adibito a serra. Per questo motivo hanno arrestato un 31enne del posto

La piantagione di marijuana

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Foggia, nell’ambito di un'attività finalizzata al contrasto della detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, nelle campagne di Ascoli Satriano hanno scoperto, all’interno di un capannone adibito a serra, una piantagione di marijuana costituita da ben 480 piante.

Il rinvenimento è avvenuto dopo una serie di servizi di osservazione controllo e pedinamento che hanno permesso di appurare come all’interno del capannone, situato in mezzo alla campagne e raggiungibile da stradine poderali, si stava svolgendo un’attività illecita. Il blitz è scattato al tramonto, e ha permesso di verificare come all’interno del deposito vi fosse una vera e propria produzione industriale che avrebbe fruttato sul mercato migliaia di euro.

La piantagione di marijuana scoperta ad Ascoli Satriano

Le piante rinvenute,  dell’altezza variabile da 160 cm a 180 cm, erano state messe in vasi accostati l’uno all’altro, con la tecnica cosiddetta del “fuori suolo”, ossia in sostituzione del terreno agrario, con un impianto di irrigazione ad acqua distillata. Tale tecnica permette una crescita più efficace e veloce della normale coltivazione, oltre a duplicare la produzione del principio attivo della sostanza. Nel corso della perquisizione sono state rinvenute 480 piante, 23 lampade alogene per riscaldamento complete di riflettori, 2 condizionatori da 24000 BTU,  7 ventilatori e tutto il materiale necessario per la coltivazione. Dalla droga sequestrata, secondo le tabelle ministeriali, sarebbe stato possibile ricavare circa 42000 dosi medie singole, e se fosse stata immessa sul mercato, avrebbe fruttato un profitto di circa 270 mila euro.

L'arresto di Domenico Longo

Al termine delle operazioni è finito in manette Domenico Longo, classe '86, di Ascoli Satriano, poiché ritenuto responsabile del reato di “coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente”. Per lui si sono aperte le porte del carcere di Foggia.

domenico longo-4

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • In arrivo un nuovo decreto, filtra una bozza: restrizioni fino al 31 luglio e multe fino a 4mila euro per i trasgressori

  • Capitanata sotto choc, medico muore nell'inferno del Coronavirus. "Unica colpa è di aver fatto il suo dovere"

  • Coronavirus: due città diventano 'zona rossa' con almeno 51 casi positivi, quattro sono amaranto e tre lilla

  • Bollettino tragico: quattro morti in provincia di Foggia, solo oggi 120 positivi al Coronavirus in Puglia

  • "Mai visto nulla di simile". Dentro l'ospedale Covid di Casa Sollievo. Il dr Del Gaudio: "Il lavoro è duro e complesso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento