menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'uomo arrestato

L'uomo arrestato

Minaccia di morte imprenditore e di far esplodere fabbrica: arrestato foggiano

Un 51enne di Ascoli Satriano ha minacciato di morte l'amministratore delegato della Visagro Società Agricola con sede in provincia di Ascoli Piceno e il socio di dar fuoco alla fabbrica

Un pregiudicato 50enne di Ascoli Satriano è stato arrestato il 26 giugno ad Ascoli Piceno colpito da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip presso il Tribunale di Latina.

Il fermo è avvenuto nell’ambito di una specifica attività di indagine svolta dalle Squadre Mobili di Latina , di Ancona e di Ascoli Piceno.

D.E.N., queste le iniziali del suo nome, dovrà rispondere del reato di tentata estorsione per aver minacciato di morte l’amministratore delegato della Visagro Società Agricola con sede nel Marchigiano, recandosi presso la sua abitazione.

Minacce sono state rivolte via telefono anche un socio della società, al quale il foggiano ha riferito che avrebbe fatto esplodere la sede della fabbrica se non gli avessero corrisposto la somma di 50mila euro vantata quale illegittimo credito di presunte passate forniture di prodotti agricoli. Lo-stabilimento-della-Visagro-di-Rotella-2

Le indagini, dirette dal sostituto procuratore Simona Gentile, svolte anche attraverso l’utilizzo di presidi tecnologici, hanno permesso di accertare le responsabilità dell’uomo.

Il 25 giugno il malvivente si è recato nuovamente in provincia di Ascoli Piceno con l’intento di dare fuoco alla fabbrica, ma il tempestivo intervento del personale operante impediva allo stesso di portare a termine l’atto criminoso e, al contempo, di procedere al suo arresto in esecuzione del citato provvedimento restrittivo della libertà personale.

Denunciati i figli R.D., di 22 anni, e L.D. di 27, incensurati.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento