menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Finge di fermarsi all'alt dei carabinieri, accelera e durante la folle fuga finisce in un canale d'irrigazione: arrestato

All’interno dell’auto c'erano nove chiusini di ghisa per un valore complessivo di circa 700 euro, risultati asportati poco prima su un lungo tratto stradale della rete urbana del comune di Apricena

Nel prosieguo dei serrati controlli finalizzati al contrasto dei reati predatori, i militari dell’Aliquota Radiomobile del N.O.R.M. della Compagnia Carabinieri di San Severo alcune notti orsono hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di furto aggravato Luciano Biscotti, classe 72, con numerosi precedenti specifici.

I Carabinieri, durante un controllo in alcune aree isolate del circondario di Apricena, avendo notato una Vokswagen Golf di colore scuro che si immetteva sulla Statale 89 da una stradina secondaria, avevano deciso di procedere ad un controllo. Appena la pattuglia aveva fatto inversione di marcia l’autovettura sospetta aveva aumentato l’andatura, ma i militari erano comunque riusciti a raggiungerla, costringendo il conducente a rallentare e ad accostare.

Il malvivente, però, pochi istanti dopo essersi fermato, al fine di sottrarsi al controllo, aveva repentinamente ripreso repentinamente la
marcia a gran velocità, iniziando una pericolosissima fuga lungo la strada statale, tallonato dai Carabinieri che, nel frattempo, avevano richiesto rinforzi per bloccargli le vie di fuga.

Dopo alcuni chilometri di folle corsa, il conducente, probabilmente a causa del fondo stradale reso viscido dalla pioggia, aveva perso il controllo del mezzo, uscendo fuori strada e finendo nel canale d’irrigazione di un terreno adiacente. I Carabinieri, quindi, erano subito sopraggiunti bloccando il Biscotti, richiedendo anche l'immediato intervento di una autoambulanza del 118 per verificare lo stato di salute del soggetto, che al termine degli accertamenti era risultato aver riportato solo alcune contusioni.

All’interno dell’autovettura i Carabinieri avevano poi rinvenuto nove chiusini di ghisa, del peso di 30 chili ciascuno, per un valore complessivo di circa 700 euro, risultati asportati poco prima su un lungo tratto stradale della rete urbana del comune di Apricena.

Al termine degli accertamenti di rito, il Biscotti era stato tratto in arresto per il reato di furto aggravato di beni esposti alla pubblica fede e ai danni della Pubblica Amministrazione, venendo associato alla casa circondariale di Foggia su disposizione dell’A.G., in attesa della celebrazione del rito direttissimo.

I copri tombini, invece, erano immediatamente stati fatti riposizionare ai loro posti, prima che l'irresponsabilità del ladro provocasse qualche tragedia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'impianto di compostaggio di San Severo si farà: ha vinto Saitef, il Consiglio di Stato certifica il 'pasticcio' del Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento