Arrestato lo zio del boss garganico: Raduano condannato dopo 4 anni per il furto di energia elettrica

Il 70enne, già noto alle Forze dell’Ordine per reati comuni, dovrà in particolare espiare una condanna definitiva di un anno di reclusione e di 1000 euro di multa. In particolare, nel luglio del 2015 a Raduano venne contestato dai Carabinieri il reato furto aggravato di energia elettrica, per cui si è appunto arrivati a tale condanna definitiva

Oggi pomeriggio, a Vieste (FG), i Carabinieri della locale Tenenza hanno arrestato su ordine di esecuzione della Procura della Repubblica di Foggia – Ufficio Esecuzioni Penali – il 70enne Antonio Raduano, zio paterno del noto Marco Raduano, considerato al vertice dell'eponimo clan, nonché soggetto di spicco della criminalità organizzata del Gargano.

L’uomo, un pensionato, è stato così ristretto in regime di detenzione domiciliare presso la propria abitazione di Vieste per una condanna per furto aggravato riferibile a fatti, risalenti al 2015, commessi nel comune garganico.

Il 70enne, già noto alle Forze dell’Ordine per reati comuni, dovrà in particolare espiare una condanna definitiva di un anno di reclusione e di 1000 euro di multa. In particolare, nel luglio del 2015 a Raduano venne contestato dai Carabinieri il reato furto aggravato di energia elettrica, per cui si è appunto arrivati a tale condanna definitiva.

Si è quindi definitivamente chiusa, con l’arresto da parte dei Carabinieri e la restrizione domiciliare del 70enne, tale vicenda giudiziaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento