Al termine di un litigio, estrae un coltello e colpisce 'rivale' alla schiena: arrestato

Arrestato per lesioni aggravate e porto abusivo di un coltello a serramanico un 63enne di San Giovanni Rotondo: si tratta di Giuseppe Papantuono e i fatti risalgono alla mattina dello scorso 1° febbraio

Un litigio finisce a coltellate: arrestato per lesioni aggravate e porto abusivo di un coltello a serramanico un 63enne di San Giovanni Rotondo. Si tratta di Giuseppe Papantuono e i fatti risalgono alla mattina dello scorso 1° febbraio.

Secondo quanto ricostruito, i carabinieri di Cagnano Varano, impegnati in servizio di pattuglia, nella tarda mattinata erano stati allertati dalla stessa vittima, un 43enne del luogo, il quale era stato appena accoltellato alle spalle da una persona a lui nota, identificata poi nell’arrestato. Il loro tempestivo intervento ha permesso di localizzare la vittima all’interno di un esercizio pubblico, situato in una via centralissima del paese, dove è stata soccorsa in attesa dell’arrivo di un’autoambulanza, per mezzo della quale veniva trasportata presso l’ospedale di San Giovanni Rotondo.

Raccolta sommariamente la sua versione, è seguita la cattura dell’arrestato, che è stato individuato all’interno della sua abitazione, dove si era rifugiato. La successiva perquisizione ha permesso poi di rinvenire l’arma del delitto, un lungo coltello a serramanico sporco ancora di sangue, che è stato sottoposto a sequestro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All’interno dei locali del pronto soccorso, il ferito ha formalizzato la denuncia contro l’arrestato, raccolta dai carabinieri di San Giovanni Rotondo, intervenuti in ausilio ai colleghi di Cagnano. Nella denuncia sono quindi state specificate le fasi dell’aggressione, riconducendola a futili motivi. Allo stesso sono state diagnosticate alcune ferite in varie parti del corpo, giudicate guaribili in 20 giorni, salvo complicazioni. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato riportato alla sua abitazione dove rimarrà agli arresti domiciliari, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Era bravissimo e un grande lavoratore". Amici e conoscenti in lacrime per Mattia. Pizzeria chiude per due giorni

  • Choc a Foggia: litiga con la fidanzata, i due 'cognati' lo raggiungono a casa e lo accoltellano

  • Rimprovera comitiva chiassosa, ispettore di polizia accerchiato e aggredito sotto casa: grave episodio a San Severo

  • Coronavirus, 8 casi in Puglia ma Capitanata senza vittime né contagi. I positivi scendono a 1222

  • Sangue in strada, omicidio a Trinitapoli: 43enne freddato con tre colpi di arma da fuoco

  • Coronavirus: due casi in provincia di Foggia, solo quattro in tutta la Puglia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento