'Spedizione' allo scalo ferroviario: razziano materiale ferroso e scappano, scatta un arresto (si cerca il complice)

E' accaduto a Trinitapoli, dove i carabinieri hanno arrestato in flagranza del reato di furto aggravato e tentato furto aggravato in concorso un 45enne pregiudicato tranese, domiciliato a Trinitapoli. Si cerca il suo complice

Immagine di repertorio

In auto verso la stazione, razziano materiale ferroso e lo caricano nel bagagliaio ma non fanno i conti con i carabinieri che arrestano in flagranza di reato uno dei due 'predoni' di metallo.

E' accaduto a Trinitapoli, dove i carabinieri hanno arrestato in flagranza del reato di furto aggravato e tentato furto aggravato in concorso un 45enne pregiudicato tranese, domiciliato a Trinitapoli: l’uomo era giunto nei pressi della Stazione Ferroviaria a bordo di una autovettura in compagnia di un complice. I due - dopo aver caricato nel cofano dell’auto del materiale ferroso asportato dal deposito della Stazione - usando un attrezzo atto allo scasso, avevano cominciato a forzare la finestra e le due porte di ingresso della cabina in cui si trovano il gruppo elettrogeno e la centralina che alimentano l’intera Stazione Ferroviaria, per poi darsi alla fuga appena scattato il sistema di allarme.

Mentre uno dei due è riuscito a dileguarsi, fuggendo repentinamente a bordo dell’autovettura e facendo perdere le proprie tracce, l’altro, nel tentativo di fuggire a piedi, è stato intercettato e prontamente bloccato dai militari, che si trovavano nelle vicinanze e che avevano visto quanto accaduto poco prima. L’attrezzo atto allo scasso è stato quindi sottoposto a sequestrato e gli immediati accertamenti hanno consentito di appurare che il materiale ferroso asportato consisteva in bulloni e fermi che vengono smontati in fase di rifacimento dei binari e poi tenuti in deposito per essere successivamente riutilizzati.

Il 45enne è stato arrestato per concorso in furto aggravato e tentato furto aggravato e, dopo le formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari a disposizione della Procura della Repubblica.  Dopo la convalida dell’arresto, il Gip del Tribunale di Foggia ha disposto nei confronti dell’uomo l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento