Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Torremaggiore

Disarticolata l’industria del “cavallo di ritorno”: 32 furti di auto al giorno

23 le persone arrestate nel blitz "Watch your car" tra San Severo e Torremaggiore. Del gruppo fanno parte anche alcune donne

La richiesta estorsiva, nella maggior parte dei casi, si concludeva dopo aver trattato – con naturalezza e destrezza – il corrispettivo da pagare. Da 800 a 3000 euro, in base al valore e alle condizioni del mezzo da riscattare. “Si tratta e si mercanteggia come al mercato di Istanbul”, puntualizza il colonnello Antonio Basilicata scorrendo le intercettazioni telefoniche; “è il mercato dell’Anti-Stato” ribatte, invece, il procuratore di Lucera, Domenico Seccia. A volte, veniva persino proposta una sorta di rateizzazione dell’obolo da versare, mentre le auto che non venivano riscattate dai proprietari venivano bruciate o, se appetibili sul mercato, rivendute a pezzi a ricettatori locali.

Quello disarticolato all’alba di oggi, con il blitz “Watch your car”, è un gruppo rampante e ben organizzato di soggetti ritenuti responsabili a vario titolo dei reati di associazione a delinquere finalizzata ai furti d’auto, alle estorsioni, alla ricettazione e riciclaggio di veicoli, nonché di detenzione e spaccio di stupefacenti. Una rete che si apre ad abbracciare il territorio tra Torremaggiore (base operativa) e San Severo, “dove sembra esserci una vera e propria rassegnazione al fenomeno del cavallo di ritorno, al punto che si preferisce pagare o vedere la propria auto data alle fiamme invece che denunciare il furto o la subita estorsione”.

NOMI ARRESTATI

Sono 23 in tutto le ordinanze di custodia cautelare (in carcere e ai domiciliari) emesse dal gip su richiesta della Procura di Lucera dopo quattro mesi di indagini serrate che hanno permesso di accertare un numero impressionante di furti di auto e mezzi (fino a 32 al giorno) compiuti nell’alto Tavoliere anche nel nord foggiano, sul Gargano, in Abruzzo ed in Molise. Un gruppo giovane – l’età media dei soggetti coinvolti è poco superiore ai 30 anni – al quale partecipavano attivamente anche alcune donne nel ruolo di “vedetta” o di organizzazione logistica per lo smistamento e occultamente dei mezzi rubati. Gli appartenenti alla banda monitoravano continuamente il territorio al fine di individuare preventivamente le vetture da asportare, studiavano le abitudini dei proprietari e una volta perpetrato il furto, procedevano ad effettuare le chiamate estorsive.

CAVALLO DI RITORNO: LE INTERCETTAZIONI

Per gli inquirenti, a capo del presunto sodalizio ci sarebbe Matteo Masullo, giovane di Torremaggiore di 27 anni che sarebbe riuscito a creare attorno a sé una squadra particolarmente agguerrita ed esperta nel settore dei furti d’auto con la collaborazione di un gruppo di fidatissimi.

Blitz a San Severo e a Torremaggiore: le foto

Un’organizzazione strutturata e ben concepita: le indagini dei carabinieri infatti hanno messo in evidenza i precisi ruoli di ciascuno degli indagati che andavano dall’eseguire materialmente i furti e le richieste estorsive al custodire in luoghi sicuri i mezzi rubati; dalla costruzione di “spadini” (i grimaldelli necessari ad aprire le vetture), al reperimento delle centraline necessarie per eludere i sistemi di blocco ed antifurto delle auto, fino all’esecuzione di visure al PRA per risalire ai proprietari dei veicoli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disarticolata l’industria del “cavallo di ritorno”: 32 furti di auto al giorno

FoggiaToday è in caricamento