menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Per sfuggire al controllo, prova ad ingoiare 8 grammi di cocaina: 38enne salvato (e arrestato) dai carabinieri

Blitz antidroga dei carabinieri a Capojale. In manette anche il complice pusher di 36 anni: entrambi risponderanno di detenzione e cessione di stupefacenti in concorso, e sono ai domiciliari

Sorpreso a spacciare, tenta di ingoiare 8 grammi di cocaina nel tentativo di farla franca ma finisce in manette insieme ad un collega.

Accade a Capojale, località marina dell’Isola di Varano, dove i carabinieri di Vico del Gargano hanno arrestato in flagranza due spacciatori, un 38enne e un 36enne di San Nicandro Garganico, sorpresi in possesso di cocaina e denaro contante frutto della cessione dello stupefacente. Il contrasto al preoccupante fenomeno dello spaccio e del consumo di droga nel Gargano nella stagione estiva rappresenta una priorità per i carabinieri, che effettuano controlli nelle marine e nei luoghi di aggregazione turistica, dove gli assuntori si incontrano per acquistare sostanze stupefacenti di ogni tipo.

E proprio per evitare che gli spacciatori facciano cadere nelle reti della dipendenza i vulnerabili ‘consumatori’ che i carabinieri di Vico del Gargano, nella stagione estiva organizzano blitz antidroga nei luoghi della movida, per individuare venditori ed acquirenti. L’attività di osservazione ed individuazione di spacciatori ha fatto scattare, nel fine settimana, a Capojale, un’operazione lampo che ha consentito ai carabinieri di intercettare nella zona portuale un’auto con a bordo due sospetti.

Nella concitata fase operativa di fermo del veicolo e degli occupanti, che cercavano di ostacolare il controllo, il passeggero, un 38enne, vistosi scoperto, con una manovra fulminea, tentava di ingoiare un involucro contenente otto grammi di cocaina, gesto non portato a compimento per il tempestivo intervento di un carabiniere. Lo spacciatore è poi risultato in possesso di oltre duecento euro provento di spaccio.

L’immediata perquisizione della macchina, condotta dal complice 36enne, ha permesso di recuperare, nascosti sotto i sedili, ulteriori quattro grammi di cocaina e su di lui, la somma di euro quattrocento frutto della vendita della sostanza. L’ispezione delle abitazioni degli arrestati, di cui uno con precedenti di polizia specifici, ha consentito di recuperare la documentazione utilizzata quale promemoria nella cessione dello stupefacenti ed i riferimenti dei clienti assuntori.

Immediato il sequestro della sostanza e l’arresto in flagranza di reato dei due spacciatori, per detenzione e cessione di stupefacenti in concorso. L’autorità giudiziaria ha convalidato il provvedimento, disponendo per i due gli arresti domiciliari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La strega comanda color color...rosso!

Attualità

Il Governo reintroduce la zona gialla e riapre le attività all'aperto. Il premier Draghi: "Rischio ragionato su dati in miglioramento"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento