Uno fa il palo, l'altro 'l'apri-porta': presi i due complici della rapina di via Guareschi

Si tratta di Leonardo Florio di 23 anni e di Giuseppe Cinotti, di 25, incastrati dalle immagini del sistema di videosorveglianza della tabaccheria rapinata e dalle impronte digitali rilevate nel locale

Florio e Cinotti

I carabinieri non hanno dubbi: i due giovani, entrambi sanseveresi e censurati, arrestati lo scorso 22 febbraio, dopo una rapina ai danni della tabaccheria di via Guareschi, sono due membri della banda che ha messo a segno - pistola e taglierino in pugno, maschere di carnevale in viso - tre colpi in poco più di un’ora, a San Severo.

Si tratta di Leonardo Florio di 23 anni e di Giuseppe Cinotti, di 25, incastrati dalle immagini del sistema di videosorveglianza della tabaccheria rapinata e dalle impronte digitali rilevate nel locale. “E’ stata importante l’azione immediata dei militari - ha spiegato il comandante provinciale dei carabinieri Marco Aquilio -  che ha permesso di fermare i due giovani con gli stessi abiti indossati durante la rapina e la pistola, risultata poi un’arma giocattolo modificata, ancora in tasca”.

LE IMMAGINI DELLA RAPINA

Dalla visione dei fotogrammi, i militari hanno ricostruito il modus operandi della banda: “Non si tratta di una banda improvvisata”, puntualizza il colonnello illustrando la dinamica del colpo. La minuziosa ricostruzione effettuata dai carabinieri ha consentito di circostanziare il ruolo ricoperto da entrambi gli arrestati nell’esecuzione della rapina: Florio è ritenuto l’apri-porta (nel senso letterale del termine), Cinotti il palo.

Il primo, dopo un breve sopralluogo, è rimasto all’interno della tabaccheria durante la rapina fingendosi un avventore, ma mantenendo la porta sempre aperta per permettere una via di fuga immediata ai complici; l’altro ha continuato a monitorare l’esterno simulando una conversazione telefonica, ma pronto a dare l’allarme per l’arrivo di una eventuale pattuglia.

Subito dopo la rapina, i due sono stati rintracciati in una via del centro e bloccati. Cinotti è stato trovato in possesso di una busta contente marijuana e di una pistola scacciacani priva di tappo rosso corrispondente a quella utilizzata nel corso della rapina. A casa di Florio, invece, sono state sequestrate due buste contenenti circa 100 gr di marijuana. I due sono in carcere, a disposizione dell’autorità giudiziaria. In corso indagini per risalire ai complici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento