Pistola in pugno rapinano supermercato: arrestati due 30enni, incastrati da abiti e telecamere

Il colpo, avvenuto a Gorgonzola, fruttò circa 1500 euro. In carcere due rapinatori di Cinisello Balsamo e San Severo. I loro abiti furono analizzati dai tecnici del Ris di Parma, le tracce biologiche hanno confermato tutti i sospetti

Un momento della rapina

Dopo la rapina si disfano degli abiti utilizzati lunga la fuga. Dall'analisi degli indumenti a cura del Ris di Parma, i  carabinieri risalgono ai due responsabili della rapina ai danni di un supermercato, messa a segno il 7 settembre dell scorso anno, a Gorgonzola, nell'hinterland Milanese.

Le immagini dell'irruzione nel supermercato

Si tratta di due giovani trent'anni, arrestati dai carabinieri a Cinisello Balsamo e San Severo. Come riporta MilanoToday.it, con il volto coperto da un casco per non farsi riconoscere e con una pistola in pugno, i due hanno fatto irruzione nel punto vendita, dirigendosi verso le casse. Minacciando gli addetti sono riusciti in pochi istanti a impossessarsi di un bottino da 1500 euro e a scappare via, veloci come erano arrivati, a bordo di un motorino rubato a Milano alcune settimane prima.

Dopo la rapina sono iniziate subito le indagini dei carabinieri della compagnia di Cassano d'Adda che hanno portato mercoledì all'esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare in carcere. Il motorino utilizzato dai malviventi per fuggire, insieme agli abiti indossati al momento del colpo, erano stati abbandonati in un campo in un'area agricola a Gorgonzola e proprio dagli indumenti dei due sono iniziati gli accertamenti dei tecnici del Ris di Parma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Reparto Investigazioni Scientifiche dei carabinieri, grazie alle analisi dattiloscopiche e al materiale biologico è riuscito a identificare gli autori della rapina e ottenere l’emissione della misura cautelare nei confronti dei due 30enni. Uno dei due rapinatori è stato arrestato a Cinisello Balsamo ed è stato accompagnato a San Vittore, mentre il secondo uomo, residente a San Severo, che nel frattempo era già stato sottoposto agli arresti domiciliari in seguito a condanna definitiva per reati contro il patrimonio, è finito in carcere a Foggia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento